A- A+
Economia
Pensioni, arriva la quattordicesima. Ma a riceverla saranno in pochi
(foto Ipa)

Pensioni, a chi spetta la quattordicesima e chi non può richiederla

A luglio, i pensionati con redditi inferiori a due volte il trattamento minimo (15.563,86 euro annui) riceveranno un'aggiunta alla pensione, nota come "quattordicesima". L'INPS, tramite il messaggio numero 2362 del 25 giugno, ha specificato i limiti di reddito e gli importi spettanti per l'anno in corso.

Per i pensionati con almeno 25 anni di contributi, il limite di reddito per accedere a questo beneficio è aumentato fino a 16.067,86 euro, grazie a una clausola di salvaguardia.

L'importo della quattordicesima varia in base agli anni di contribuzione e al reddito del beneficiario: va da 336 euro per chi ha tra 15 e 18 anni di contributi e un reddito tra 1,5 e due volte il trattamento minimo, fino a 655 euro per chi ha oltre 25 anni di contributi e un reddito inferiore a 1,5 volte il trattamento minimo (11.823,90 euro).

LEGGI ANCHE: Pensioni, il futuro dei giovani a rischio mentre la politica fa spallucce

Modalità di pagamento

La quattordicesima viene erogata automaticamente dall'INPS ai pensionati i cui dati reddituali sono disponibili nelle loro banche dati.

Procedure per chi non la riceve automaticamente

I pensionati che non ricevono la quattordicesima ma ritengono di averne diritto possono presentare una domanda online per la "Ricostituzione reddituale per quattordicesima". Questo può essere fatto attraverso il sito dell'INPS utilizzando SPID, CNS, CIE 3.0 o eIDAS. In alternativa, è possibile rivolgersi agli istituti di patronato per assistenza gratuita nella presentazione della domanda.

Recupero di somme non dovute

Se un pensionato ha già ricevuto la quattordicesima negli anni passati ma non ne aveva diritto, l'INPS procederà al recupero del debito nei pagamenti del 2024.

Requisiti anagrafici

Per beneficiare della quattordicesima è necessario avere almeno 64 anni. Questo beneficio verrà attribuito automaticamente con la rata di dicembre 2024 ai pensionati che raggiungono tale età tra il 1° luglio e il 31 dicembre 2024.

LEGGI ANCHE: Pensioni, 2023 boom per la previdenza complementare: su rendimenti e iscritti

Determinazione del reddito

Per la determinazione del reddito che qualifica per la quattordicesima, vengono considerati esclusivamente i redditi individuali del pensionato, escludendo trattamenti di famiglia, indennità di accompagnamento, redditi derivanti dalla prima casa, trattamenti di fine rapporto, competenze arretrate, pensioni di guerra, indennità per ciechi parziali e indennità di comunicazione per sordomuti.

Importi specifici per anni di contribuzione e reddito

  • Con meno di 15 anni di contributi, il beneficiario riceve 437 euro se il reddito è fino a 1,5 volte il trattamento minimo, e 336 euro se il reddito è tra 1,5 e due volte.
  • Con 15-25 anni di contributi, l'importo è di 546 euro per un reddito fino a 1,5 volte il trattamento minimo e di 420 euro se tra 1,5 e due volte.
  • Con oltre 25 anni di contributi, l'importo assegnato è di 655 euro per un reddito fino a 1,5 volte il trattamento minimo e 504 euro per un reddito tra 1,5 e due volte.






in evidenza
Von der Leyen rieletta, la lunga fila di eurodeputati in attesa di omaggiarla con abbracci e selfie

Home

Von der Leyen rieletta, la lunga fila di eurodeputati in attesa di omaggiarla con abbracci e selfie


motori
Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Nuova CUPRA Leon: arriva l’innovativo 1.5 e-HYBRID da 272 CV DSG

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.