A- A+
Economia
Oltre 30mila imprese in meno e 600 mila posti di lavoro. Ecco il bilancio della crisi al Sud

Pil in calo di 47,7 miliardi di euro; quasi 32mila imprese in meno; oltre 600mila posti di lavoro perduti; 114mila persone in cassa integrazione; quasi 2 giovani meridionali su 3 disoccupati: questa la drammatica fotografia della crisi dal 2007 ad oggi, secondo il Check Up Mezzogiorno elaborato da Confindustria e Srm sullo stato di salute dell'economia meridionale.

"Servono interventi robusti per amplificare i timidi segnali positivi", dicono gli economisti di viale dell'Astronomia che chiedono "la decisa attuazione delle riforme istituzionali e strutturali", dal fisco all'energia, dalla semplificazione alla riduzione dei tempi di pagamento Pa, perchè "la partita decisiva per il Sud si gioca attorno ad un pieno ed efficace impiego delle risorse della politica di coesione".

A segnare vistosamente il passo e a deprimere il territorio soprattutto il dato sugli investimenti pubblici e privati, diminuiti di quasi 28 miliardi tra il 2007 e il 2013: un calo di oltre il 34%, con punte di quasi il 47% nell'industria in senso stretto e del 34% nell'agricoltura e nella pesca, che pure sono settori in cui è forte la specificità del Mezzogiorno, si legge ancora nel Report di Confindustria. In particolare frenano gli investimenti pubblici: tra il 2009 e il 2013, infatti, la spesa in conto capitale nel Mezzogiorno si è ridotta di oltre 5 miliardi di euro, tornando ai valori del 1996, contribuendo alla riduzione del numero e del valore degli appalti pubblici. In calo di numero, ma soprattutto di valore, da 8,6 miliardi a poco più di 5 miliardi, sono anche le gare di partenariato pubblico-private bandite nel Mezzogiorno.

"Si realizzano, dunque, sempre meno investimenti pubblici, sia che lo Stato li finanzi direttamente sia che li promuova indirettamente. E ciò è paradossale, se si considerano le difficoltà economiche che suggerirebbero l'opportunità di un'azione pubblica decisamente anticiclica".

Parzialmente in controtendenza invece i dati sulle esportazioni meridionali: l'export, infatti, dice ancora Viale dell'Astronomia, è l'unica variabile il cui valore al 2013 è superiore (+2,4%) a quello del 2007. Un recupero però che " sembra essersi fermato nel 2013 e nei primi mesi del 2014", o meglio differenziato: scende l'export di idrocarburi, oscilla l'export di acciaio, si rafforzano settori come l'aeronautico/automotive, la meccanica, la gomma/plastica, l'agroalimentare.

Tra i dati flebilmente positivi Confindustria annovera l'aumento delle società di capitali (+3,2% rispetto a un anno fa), delle imprese aderenti a contratti di rete (oltre 1.600), delle nuove imprese condotte da giovani (50mila nel solo 2013); e dalla crescita in alcune regioni meridionali, dei turisti stranieri. Segnali contradditori invece quelli che arrivano dal settore credito: gli impieghi scendono (8,4 miliardi di euro in meno rispetto al 2012), mentre i crediti in sofferenza hanno ormai raggiunto i 35 miliardi di euro.Nessuna inversione di tendenza invece nella dinamica dei prestiti, "ma la riduzione sembra accennare a frenare".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pil
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.