A- A+
Economia
Dl Lavoro, Poletti: "Concertazione? Decide il governo"
Lavoro e politiche sociali: Giuliano Poletti

"Potrei rispondere con una battuta e dire che se sono tutti un po' insoddisfatti ci abbiamo preso, ma vorrebbe dire che abbiamo sbandato". Cosi' il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, risponde in conferenza stampa alla Camera a una domanda sui rapporti tra governo, Confindustria e Cgil.

"Il problema vero e' che c'e' bisogno di un cambiamento profondo anche nel mondo della rappresentanza - rileva Poletti - credo che debbano tutti interrogarsi se in questa fase di cambiamento che ha investito l'economia e la societa' le loro modalita' siano ancora congrue, ma questo riguarda i loro associati non il governo".

"Il ministro del Lavoro incontra tutti gli esponenti della rappresentanza imprenditoriale e sindacale, poi il governo ha le proprie responsabilita' e quando deve prendere una decisione la prende, mi pare un metodo efficace".

Quanto alle dichiarazioni rese dall'amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, sulle retribuzioni dei manager pubblici, il ministro ha risposto: "C'e' una legge, verificheremo se ha prodotto risultati e se ci sono problemi di applicazione e poi ogni cittadino valutera' se la situazione e' compatibile con la propria posizione. Serve una maggiore equita' tra il trattamento medio di un lavoratore e quello di un manager rispetto a quanto fatto nel resto d'Europa - osserva Moretti - non si puo' rischiare di distruggere un'impresa per pagare un bonus". "Questo tema della coerenza della remunerazione non e' solo nel pubblico - sottolinea ancora il ministro del Lavoro - forse si e' perso il senso della misura e si e' arrivati a innestare processi che hanno prodotto terribili deviazioni, la valutazione del lavoro svolto non va fatto sul breve periodo ma sul medio e il lungo, mi pare naturale che si rifletta su queste cose".

"Il governo - ha poi aggiunto - e' fermamente convinto delle misure prese nel decreto sul lavoro ed e' disponibile a discutere nel merito, ma se qualcuno pensa di stravolgerlo ci opporremo con tutte le forze", ha detto rispondendo a Stefano Fassina che aveva dichiarato la sua indisponibilita' a votare il provvedimento. "Rispettiamo l'opinione di tutti i parlamentari e non commento" ha aggiunto Poletti.

Tags:
polettilavoroconcertazione

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.