A- A+
Economia
Prada punta sul Centro Italia. Il gruppo investe 60 mln in nuovi stabilimenti

Il Gruppo Prada sulla scia del 2022, punta a far crescere gli stabilimenti produttivi nel Centro Italia e investe 60 mln

Il Gruppo Prada mette il turbo e, sull'onda della crescita del 2022, continua a investire nelle fabbriche. Con oltre 20 stabilimenti produttivi di cui 21 in Italia la maison guidata da Patrizio Bertelli ha inaugurato ieri una nuova sede industriale a Valvigna vicino Arezzo. "L’ambiente in cui i giovani devono essere orgogliosi di lavorare", ha raccontato il Ceo al Sole Ora, paragondo il nuovo sito a "una famiglia che deve far sentire le persone integrate, partecipi e responsabili".

"Una fabbrica con queste caratteristiche ha pure una redditività maggiore", ha continuato Bertelli ricordando il lavoro manuale e i collaboratori storici come Lisetta, una signora di 75 anni che ha cominciato con lui nel 1971 facendo cinture, quando erano solo in tre (oggi il gruppo di moda ha quasi 14mila dipendenti), e che lavora ancora come responsabile del magazzino campionario dell’abbigliamento.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pradastabilimenti





in evidenza
Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."

La confessione intima

Annalisa tra record e un sogno: "Non ho più vent'anni e vorrei..."


motori
Toyota e WEmbrace Games: uniti per l'inclusione nello sport

Toyota e WEmbrace Games: uniti per l'inclusione nello sport

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.