A- A+
Economia

Mediobanca archivia il primo trimestre dell'esercizio 2014/2015, avviato il primo luglio, con un utile netto pari a 160 milioni di euro, a fronte dei 171,2 milioni registrati nel corrispondente periodo dell'anno precedente, che includeva pero' 80 milioni di euro derivanti da cessioni. Lo comunica l'istituto in una nota. I ricavi - si legge nella nota - sono cresciuti del 24,5% a 525 milioni di euro.

L'utile del trimestre e' superiore al consensus, che prevedeva una cifra pari a 120 milioni di euro. L'incremento dei ricavi - spiega Mediobanca - e' "interamente" attribuibile al favorevole andamento dell'attivita' bancaria, il cui risultato e' piu' che triplicato (da 34 a 106,8 milioni di euro). Il contributo del 'principal investing' e' piu' che dimezzato, da 137,2 milioni a 53,3 milioni, dal momento che lo scorso anno aveva beneficiato di utili da dismissioni per 79,5 milioni (4 milioni nel primo trimestre 2014/2015). Sostanzialmente invariato il margine di interesse (da 270,5 milioni a 267,1 milioni); vicine al raddoppio, invece le commissioni (da 84,4 milioni a 147,2 milioni) grazie "all'attivita' di capital market". Le rettifiche di valore sui crediti - segnala ancora Mediobanca - sono diminuite del 6,5%, da 128,9 milioni a 120,5 milioni di euro). A livello divisionale, corre il 'wholesale', in utile per 73,5 milioni (a fronte dei 7,2 milioni dello scorso anno); stabile il 'private banking' mentre nel retail Chebanca! ha registrato una perdita netta di 4,3 milioni, in crescita rispetto al rosso di 2,6 milioni del corrispondente periodo dell'esercizio precedente.

Mediobanca tornera' a cedere le partecipazioni non piu' strategiche nel secondo semestre dell'esercizio 2014/2015, cioe' a partire da gennaio prossimo, dopo la frenata registrata nei primi tre mesi dell'anno. Lo ha spiegato l'amministratore delegato, Alberto Nagel. "Non abbiamo avuto nel primo trimestre nessun provento straordinario da vendita di partecipazioni - ha detto - ma questo non significa che quest'anno non continueremo a cederle. Lo faremo, ma verosimilmente avverra' nella seconda meta' dell'anno".

Nagel ha poi precisato che, nel trimestre, "non c'e' stato nessun rallentamento" nel piano di cessioni, che prevedevano per quest'anno una cifra compresa "tra 200 milioni e 400 milioni di euro". "In concreto - ha ricordato l'a.d. di Mediobanca - una di queste partecipazioni, quella in Telecom, e' oggi all'interno di una holding il cui scioglimento e' subordinato al placet delle autorita'. Non e' cioe' immediatamente disponibile alla vendita ma lo sara' nel corso dell'esercizio, noi riteniamo nella seconda meta' dell'anno". L'orizzonte per la riduzione della quota in Generali e' invece di piu' lungo termine, ha ricordato il banchiere. Quanto a Rcs, la partecipazione dell'istituto - ha affermato Nagel - e' oggi ferma al 6,2% raggiunto alla fine dello scorso esercizio, quota che era gia' di per se' meno della meta' di quanto Mediobanca aveva in portafoglio un anno prima.

Carige: ceduti asset assicurativi ad Apollo per 310 mln - Carige ha ceduto ad Apollo Management Holdings le proprie quote in Carige Assicurazioni e Carige Vita per 310 milioni di euro. L'istituto informa "di aver raggiunto un accordo con Apollo Management Holdings L.P. in merito alla realizzazione di una partnership nel settore della bancassurance che prevede la cessione ad Apollo del 100% delle azioni detenute da Banca Carige nelle societa' Carige Assicurazioni S.p.A. e Carige Vita Nuova S.p.A. e la stipula di accordi di lunga durata per la distribuzione di prodotti assicurativi dei rami vita e danni tra la banca e tali societa'". La cessione delle partecipazioni delle societa' interessate "avverra' ad un prezzo complessivo di 310 milioni di euro che verra' corrisposto interamente per cassa alla data di completamento dell'operazione". "L'operazione e' subordinata alle autorizzazione delle competenti Autorita'. Il signing dell'operazione e' previsto nella giornata odierna mentre il closing, in ragione delle tempistiche autorizzative, avverra' presumibilmente nel primo trimestre 2015".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
mediobanca
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.