A- A+
Economia
Recovery, Conte apre il cantiere delle tasse. Le linee guida del piano

CLICCA QUI PER LEGGERE LE LINEE GUIDA DEL PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA (RECOVERY FUND PER L'ITALIA)

Raddoppiare il tasso di crescita dell'economia italiana portandolo dalla media del +0,8% dell'ultimo decennio ad un livello in linea con la media europea dell'1,6%; aumentare gli investimenti portandoli al 3% del Pil, conseguire un aumento del tasso di occupazione di 10 punti percentuali salendo dall'attuale 63% dell'Italia al 73,2% dell'attuale media Ue; portare la spesa per ricerca e sviluppo al 2,1% rispetto all'attuale 1,3%". Sono questi alcuni degli "obiettivi quantitativi" e "sfide" che il governo punta a realizzare con le proposte del piano Next Generation Eu, previsto con il Recovery Fund. Obiettivi contenuti nelle linee guida del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr, Recovery Fund) inviate dal premier Giuseppe Conte alle Camere e di cui Affaritaliani.it ha preso visione. 

Le risorse del Recovery Fund, secondo Palazzo Chigi, dovranno servire anche per promuovere una ripresa del tasso di natalità e della crescita demografica, abbattere l'incidenza dell'abbandono scolastico e dell'inattività tra i giovani, migliorare la preparazione degli studenti e la quota di diplomati e laureati, rafforzare la sicurezza e la resilienza del Paese di fronte a calamità naturali, cambiamenti climatici, crisi epidemiche e rischi geopolitici, garantire la sostenibilità e la resilienza della finanza pubblica.

"Gli assi portanti e prioritari del Pnrr - si legge nel documento - saranno la transizione verde e digitale del Paese, ai quali saranno destinate la maggior parte delle risorse disponibili nello strumento di ripresa e resilienza, in linea anche con le indicazioni della Commissione. Si tratta di una graduale ma effettiva trasformazione dell'economia del nostro Paese che non potrà realizzarsi senza una forte spinta proveniente dagli investimenti pubblici, unitamente al rafforzamento degli incentivi agli investimenti privati che dovrà produrre un salto di qualità nelle dotazioni infrastrutturali del Paese".

Il Pnrr si articola in 6 missioni, a loro volta suddivise in cluster di progetti: digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo; rivoluzione verde e transizione ecologica; infrastrutture per la mobilità; istruzione, formazione, ricerca e cultura; equità sociale, di genere e territoriale; salute. Per la prima missione il governo punta alla "digitalizzazione della Pubblica amministrazione, dell'istruzione, della sanità e del fisco", nonché al "completamento della rete nazionale di telecomunicazione in fibra ottica e gli interventi per lo sviluppo delle Reti 5g".

"Un'attenzione particolare - si legge nel documento - va riservata alla promozione dell'industria culturale e del turismo, vero asset strategico dell'Italia". Nell'ambito delle politiche e delle riforme di supporto al Piano, in tema fiscale "il prossimo passo consisterà in una riforma complessiva della tassazione diretta e indiretta, finalizzata a disegnare un fisco equo semplice e trasparente per i cittadini, che riduca in particolare la pressione fiscale sui ceti medi e le famiglie con figli e acceleri la transizione del sistema economico verso una maggiore sostenibilità ambientale".

"Con specifico riguardo alle concessioni autostradali - si legge sempre nel documento - si darà ulteriore impulso al processo di revisione, al fine di garantire maggiore trasparenza competitività tra gli operatori e il corretto equilibrio tra l'interesse pubblico e l'interesse imprenditoriale, nonché il costante miglioramento del servizio per gli utenti, dando tempestiva attuazione alle delibere dell'Autorità di regolazione dei Trasporti".

Il tutto, però, con un occhio ai conti: "I presiti erogati all'Italia dalla Commissione europea - avverte Palazzo Chigi - se non compensati da riduzioni di altre spese o aumenti delle entrate, contribuiranno ad accrescere il deficit della Pa e l'accumulazione di debito. Al Pnrr dovrà pertanto affiancarsi una programmazione di bilancio volta a riequilibrare la finanza pubblica nel medio termine dopo la forte espansione del deficit prevista per quest'anno in conseguenza della pandemia e degli ingenti interventi di sostegno all'economia".

Loading...
Commenti
    Tags:
    recovery fund
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Da Commisso a Friedkin e Elliot I nuovi padroni del calcio

    Economia

    Da Commisso a Friedkin e Elliot
    I nuovi padroni del calcio


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    WRC, Rally di Turchia, La C3 R5 di Bulacia vince tra le WRC3

    WRC, Rally di Turchia, La C3 R5 di Bulacia vince tra le WRC3

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.