A- A+
Economia

 

papa francesco santa maria maggiore

Un alto prelato, monsignor Nunzio Scarano, insieme a Giovanni Maria Zito, un funzionario dei Servizi segreti dell'Aisi e Giovanni Carinzo, un broker finanziario, sono stati arrestati questa mattina dai militari del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria della Guardia di Finanza nell'ambito di un filone di indagine sullo Ior.

Per loro le accuse sono di corruzione e truffa: si tratterebbe di un'inchiesta sul rientro di una grossa somma di denaro (circo 20 milioni di euro) dalla svizzera.

Monsignor Scarano era stato indagato due settimane fa per riciclaggio dalla procura di Salerno e ieri era stato sospeso dal suo incarico presso l'Apsa (Amministrazione del patrimonio della Sede Apostolica).

Gli arresti sono avvenuti nell'ambito di un filone autonomo dell'indagine sullo Ior. Corruzione e truffa, sono i reati ipotizzati dal Gip Barbara Callari, anche se non si conoscono, per ora, i fatti specifici alla base dell'accusa.

papa francesco 04

Guarda la gallery

La notizia arriva a due giorni dall'istituzione, per volontà di papa Francesco, di una commissione per la riforma dell'Istituto per le opere religiose, che è di fatto la banca del Vaticano. La settimana scorsa era stato scelto il nuovo capo ad interim, monsignor Ricca. 

Tags:
scandaloiorarrestiprelato007
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.