A- A+
Economia
Tim, bilancio approvato: bocciata la politica di remunerazione. Vivendi vince

Tim approva il bilancio del 2022. I dati

L’Assemblea ordinaria degli Azionisti di Tim si è svolta oggi con la partecipazione di circa il 53,40% del capitale ordinario della Società. L’Assemblea ha approvato (con il 99,9% dei voti favorevoli) il bilancio al 31 dicembre 2022 di Tim S.p.a., che si è chiuso con una perdita netta pari a 2,9 miliardi di euro coperta mediante prelievo da riserve, e la conferma nella carica di Consiglieri di Giulio Gallazzi, con il 91,9% dei voti favorevoli (contrari 5,1%, astenuti 1,3%), e di Massimo Sarmi, con il 93,2% dei voti favorevoli (contrari 5,1%, astenuti 0,1%). Non è stato invece nominato il terzo Amministratore, non avendo le candidature proposte ottenuto le necessarie maggioranze.

Il mandato dei due Consiglieri nominati, analogamente a quello degli altri Amministratori in carica, avrà durata fino all’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2023. L'Assemblea si è svolta senza la presenza fisica dei soci nel rispetto delle disposizioni di cui al Decreto Legge n. 18/2020 e successive modificazioni.

L’Assemblea degli azionisti di Tim ha approvato (con il 53,2% dei voti favorevoli; contrari 1,1%, astenuti 45,7%) il Piano di incentivazione a breve termine (Mbo) 2023, ma non la relazione sulla politica di remunerazione e sui compensi corrisposti, per entrambe le sezioni (sezione 2.1 dell’Ordine del Giorno con il 40,7% dei voti favorevoli, contrario il 13,5%, astenuti 45,7%; sezione 2.2 dell’Ordine del Giorno con il 29% dei voti favorevoli, contrari 25,2% e astenuti 45,7%). Lo comunica una nota.

Inoltre, non sono stati approvati: il piano di incentivazione a lungo termine denominato Long Term Incentive Plan 2023- 2025 (con il 42,5% dei voti favorevoli, contrari il 10,6%, astenuti il 46,8%); l’autorizzazione all’acquisto di azioni ordinarie Telecom Italia al servizio del Piano di incentivazione a breve termine (Mbo) 2023 e del Long Term Incentive Plan 2023-2025 (con il 40,8% dei voti favorevoli, contrari il 13,4%, astenuti il 45,7%). Sui risultati ha influito significativamente l’elevato numero di astensioni, sottolinea l'azienda in una nota.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
tim





in evidenza
Affari va in rete

MediaTech

Affari va in rete


motori
Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.