A- A+
Economia
Vivendi bussa ancora al tribunale. Obiettivo: voto maggiorato in Mediaset

Nuovo capitolo della guerra in tribunale dov'è in gioco una causa miliardaria fra Mediaset e Vivendi. Dopo la richiesta dei francesi di convocazione di una nuova assemblea straordinaria sul voto maggiorato, iò broadcaster di Cologno Monzese controllato dala famiglia Berlusconi ha ricevuto da Vivendi un atto di citazione al Tribunale di Milano in cui si chiede in primo luogo "di annullare la deliberazione approvata dall'assemblea straordinaria di Mediaset in data 18 aprile riguardante la maggiorazione del voto e le conseguenti deliberazioni assunte dagli organi sociali di Mediaset, inclusa la approvazione del regolamento per il voto maggiorato".

"In subordine - spiega una nota di Cologno Monzese - il gruppo francese chiede di essere iscritta nell'elenco dei soggetti con diritto al voto maggiorato con una partecipazione del 9,61% e di 'accertare e dichiarare che Vivendi è la legittima proprietaria e puo' esercitare tutti i diritti patrimoniali e amministrativi connessi alla propria partecipazione".

Le stesse richieste valgono per la partecipazione detenuta da Simon Fiduciaria in Mediaset (pari al 19,19%, ndr). Vivendi chiede al Tribunale di Milano, nel dettaglio, "di accertare e dichiarare che il gruppo francese può legittimamente fornire istruzioni di voto a Simon Fiduciaria nelle materia e nei limiti previsti dall'art. 4.2. delle 'Special Instructions' e che quest'ultima puo' esercitare i relativi diritti amministrativi". L'udienza in citazione è fissata per il prossimo 26 novembre.

Mediaset nei giorni scorsi aveva ricevuto da Vivendi una comunicazione in cui la stessa "nell'interesse di Mediaset e dei suoi azionisti" intimava di convocare una nuova assemblea straordinaria proprio al fine di revocare le deliberazioni assunte dall'assemblea straordinaria del 18 aprile che, a suo dire, sarebbero invalide per aver illegittimamente escluso Vivendi dall'esercizio del diritto di voto. Il cda di Cologno Monzese in una nota spiegava che avrebbe svolto "le opportune valutazioni sulla richiesta in vista dell'assunzione delle determinazioni di competenza". 

"E' contraria a tutti i principi fondamentali della democrazia degli azionisti. E' illegale e contro gli interessi di Mediaset e, in particolare, dei suoi azionisti di minoranza, Date le circostanze Vivendi non e' nella posizione di partecipare all'assemblea e si riserva il diritto di contestare in tribunale la validita' delle delibere adottate", aveva fatto sapere infatti il colosso dell'enterteinment transalpino a fine aprile in occasione dell'ultima assemblea del Biscione. 
Commenti
    Tags:
    mediaset
    S
    i più visti
    in evidenza
    Gioiello di Pessina, Galles ko Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

    Euro 2020, super Italia

    Gioiello di Pessina, Galles ko
    Ma ora è incubo Belgio di Lukaku


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

    Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.