A- A+
Economia
Volvo, Electrolux, Stellantis, Volkswagen: la crisi dei chip va in borsa

Il Covid ha insegnato che le leggi dell’economia sono piuttosto labili. Ad esempio, se la crisi dei mutui subprime ci aveva insegnato qualcosa è che gli effetti della finanza si riverberano sull’economia reale. Quindi: prima crollano le grandi banche, poi tracollano le borse, quindi si hanno effetti sull’economia. Oggi succede esattamente il contrario: le materie prime scarseggiano, le aziende vanno in difficoltà, i titoli calano, le borse scalchignano. È esattamente il procedimento inverso.

Di più: la scarsità di materie prime – che secondo Ibm durerà fino alla metà del 2022 – ha origini precise e che sono state acuite dal Covid. La necessità di ridurre gli sprechi e di aumentare i margini ha costretto le aziende a tagliare i magazzini, con la logica del produrre “just in time”, cioè solo quando serve.

Ma quando la pandemia ha iniziato a propagarsi, si è avuto un effetto teratogeno. Primo: le aziende hanno fermato la produzione, tagliando quindi i consumi. Secondo: quando si sono rese conto che gli effetti sull’economia non riguardavano in egual misura tutta la popolazione ma solo alcune parti, hanno ripreso la produzione consumando anche le ultime scorte. Terzo: le limitazioni alla catena di fornitura hanno rallentato i processi di approvvigionamento. Quarto: la guerra dei dazi tra Cina e Stati Uniti e tra questi ultimi e l’Europa hanno portato a un innalzamento di barriere doganali che hanno aumentato i prezzi.

Nell’acciaio, ad esempio, il costo dei rottami necessari per far funzionare gli altiforni sono aumentati drasticamente, costringendo la siderurgia a tagliare le stime future. Nel mondo dei semiconduttori, l’incremento dei prezzi (alcune volte anche decuplicati) ha costretto le aziende a rivedere i piani. E così si arriva agli ultimi mesi, quando cioè la scarsità dei semiconduttori nei chip ha portato a un ridimensionamento delle produzioni.

Stellantis ad aprile ha annunciato che avrebbe sostituito i cruscotti digitali con quelli analogici scontando 400 euro dal prezzo di listino. Volkswagen si è trovata nella difficile situazione di dover ridurre la produzione di circa 100mila unità. Questo perché i veicoli di Wolfsburg utilizzano fino a 70 chip per vettura, ovvero necessitano di 3,4 miliardi di semiconduttori. Ma se questi mancano… Mercedes ha dovuto ridurre la produzione.

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    chipvolvofordelectroluxstellantisvolkswagen:
    i più visti
    in evidenza
    Tatangelo, bikini fa girare la testa Britney Spears senza il reggiseno

    E Ilary Blasi... FOTO DELLE VIP

    Tatangelo, bikini fa girare la testa
    Britney Spears senza il reggiseno


    casa, immobiliare
    motori
    A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km

    A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.