A- A+
Spettacoli
Crollo Ponte Genova: il commovente omaggio di Techetechetè dà lustro alla Rai

Techetechetè, come ogni estate, si conferma uno dei programmi più seguiti e apprezzati del palinsesto televisivo, non solo quello della Rai. Immancabilmente, nell'analisi dei dati di ascolto, risulta fra le trasmissioni più viste e capita spesso che si aggiudichi incontrastata la sfida dell'Auditel. Una scommessa vincente, sostenuta dalla formidabile corazzata delle Teche Rai, patrimonio culturale italiano (e mondiale).

Ieri, nella giornata della tragedia per il crollo del ponte Morandi a Genova, Techetechetè non si è fermata, ma da caleidoscopio di "nostalgia" si è trasformata in omaggio sincero e sentito al capoluogo ligure, una sorta di caldo e affettuoso abbraccio ideale alle vittime della disgrazia, alle loro famiglie, alle tante persone attive nelle operazioni di soccorso dei feriti e di ricerca dei dispersi, alle forze dell'ordine impegnate sul luogo dell'abominevole incidente. Ai genovesi ma anche agli italiani tutti che soffrono per i loro fratelli feriti al cuore.

Realizzata da Massimiliano Canè, la puntata di quindici minuti dedicata al crollo del ponte Morandi (visibile su RaiPlay) ha alternato le immagini delle tragedia alle voci e ai volti di cantanti e cantautori genovesi e alle apparizioni di repertorio di artisti che hanno celebrato la città nel corso della loro carriera.

Inizia il grandioso astigiano Paolo Conte con Genova per noi, quindi arrivano i genovesi doc Fabrizio De Andrè con Una storia sbagliata e Gino Paoli con una canzone popolare, la cremonese Mina che tuttavia canta in genovese, accompagnata dal coro della Radiotelevisione italiana, l'accorata Ma se ghe penso, canzone degli emigranti liguri incisa dalla "tigre" nel 1967 e proposta per la prima volta in Tv il 22 aprile di quell'anno nel programma Sabato sera. E poi altre voci e altri volti, I Ricchi e Poveri con Che sarà, i Matia Bazar con Cavallo bianco, i New Trolls con Quella carezza della sera, Umberto Bindi con Il nostro concerto.

A chiudere, Paolo Villaggio che dialoga con il suo alter ego Fracchia, sketch che assurge a simbolo di un'Italia spaccata in due. Un "dialogo" pensato e scritto negli anni Settanta e che tuttavia appare più tragicamente attuale che mai.

In quei quindici minuti di abbraccio virtuale, Techetechetè ha dato lustro alla Rai e al servizio pubblico radiotelevisivo, facendolo risplendere come una stella. Con quei quindici minuti di abbraccio virtuale, Techetechetè ha stretto forte i genovesi e gli italiani tutti, riunendoli con la forza evocativa di un passato glorioso, fatto di talento, di arte, di rispetto e di amore per il prossimo. Un passato glorioso che può essere  anche speranza per il futuro, malgrado la tragedia del presente. "Guardate, Genova è grande", sembravano dire quelle voci e quei volti illustri radunati sotto l'egida del titolo "E se ci fermassimo a pensare". Voci e volti illustri che hanno fatto grande non solo Genova ma anche l'Italia nel mondo. "Guardate, Genova è grande" sembravano suggerire le loro encomiabili esibizioni riproposte in maniera encomiabile da Rai1 in prima serata di un giorno tragico. E non sarà certo il crollo di un ponte a poterla piegare. 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
crollo ponte genovatechetechetèponte morandiviadotto morandifabrizio de andrègino paolipaolo contepaolo villaggiofracchiai ricchi e poveriminaascolti tvauditelbruno lauziumberto bindinew trollsmatia bazar
in evidenza
Fine dell'Ue, terremoti, siccità... Nostradamus, le profezie 2022

Che cosa accadrà il prossimo anno

Fine dell'Ue, terremoti, siccità...
Nostradamus, le profezie 2022

i più visti
in vetrina
Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre

Meteo, inverno sconvolto dalla Niña. Neve in pianura già a dicembre


casa, immobiliare
motori
Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia

Land Rover Discovery Metropolitan Edition, design e tecnologia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.