A- A+
Spettacoli
Vasco Rossi Modena: chiesta sospensione del concerto. VASCO ROSSI MODENA
Vasco Rossi

Vasco Rossi Modena: chiesta sospensione del concerto. VASCO ROSSI AL MODENA PARK NEWS

Il Codacons chiede, con un esposto presentato alla Procura della Repubblica di Milano, di "disporre l'oscuramento e il sequestro urgente dei siti di secondary ticketing che vendono biglietti per il concerto di VASCO Rossi dell'1 luglio a Modena a prezzi maggiorati e che oramai sfiorano i 3000 euro, realizzando una ignobile speculazione a danno degli utenti". Ma il Codacons va ben oltre e si rivolge poi al Prefetto di Modena, chiedendo di "valutare una possibile sospensione dell'evento dell'1 luglio al 'Modena Park', per evitare il compimento e la prosecuzione dei gravi reati connessi al bagarinaggio online che danneggiano da un lato gli utenti, dall'altro l'economia nazionale, portando vantaggi unicamente a chi li commette".


VASCO ROSSI A MODENA. SINDACO, I 220.000 DI VASCO SEGNALE DI LIBERTA' CONTRO PAURA


"Sabato 1 luglio deve essere una grande festa. Come ha ricordato il Ministro Minniti, solo quest'estate in Italia ci saranno 1.700 eventi all'attenzione delle autorità. Io credo che i 220mila al Parco Ferrari siano un grande segnale di libertà. Chi ci vuole spaventare e fare chiudere in casa ha già perso". Il sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli, parla così all'AdnKronos del Modena Park, il concerto per i 40 di carriera di VASCO Rossi che ha veduto 220.000 biglietti polverizzando ogni record mondiale di paganti per un singolo evento musicale. Da sindaco Muzzarelli ha mantenuto per sé anche la delega alla sicurezza, una competenza quanto mai attuale anche sul fronte musicale, dopo gli avvenimenti di Manchester e di piazza San Carlo a Torino. "Sin dal primo minuto, ben prima dei fatti drammatici di Manchester e di Torino - sottolinea il sindaco - abbiamo lavorato in sede di COSP (Comitato Ordine e Sicurezza Pubblica istituto presso la Prefettura) per garantire tutte le condizioni di sicurezza, dall'accesso sino al deflusso. Oltre al divieto di vetro e di superalcolici, saranno garantite tutte le misure di sicurezza perché coloro che saranno al concerto e quelli che lo seguiranno su un maxischermo nelle piazze del centro pensino solo a divertirsi, senza paura". L'impianto di sicurezza sarà davvero imponente: "Saranno migliaia le persone impegnate per la sicurezza, ed a loro va il mio 'grazie: a tutte le donne e gli uomini delle Forze dell'Ordine, della Protezione Civile, della nostra Polizia Municipale, ai professionisti del mondo della sanità, ai volontari e a ognuno degli spettatori che parteciperà all'evento", aggiunge Muzzarelli.


VASCO ROSSI A MODENA INVITA I RESIDENTI VICINO AL MODENA PARK ALLE PROVE


Con il concerto del primo luglio Modena entra definitivamente nella storia del rock ma la sua tradizione musicale era già ben solida. "Abbiamo una tradizione lirica ineguagliabile, e ancora oggi siamo la città del Belcanto, con allievi di tutto il mondo che vengono qui a studiare. Ma il 1 luglio riprendiamo una tradizione che vedeva Modena protagonista di eventi musicali di massa, dagli U2 ai Guns'n Roses sino alla grande bellezza dei 'Pavarotti & Friends'. Con VASCO abbiamo il piacere di festeggiare un'artista che dopo avere mosso qui i primi passi torna in città per il concerto dei 40 anni di carriera. Vedremo se sarà un nuovo inizio". I cittadini di Modena sono contenti o infastiditi dai disagi che inevitabilmente l'evento comporterà? "Innanzitutto circa 27mila dei presenti al Parco Ferrari saranno modenesi, di città o della provincia, e tante altre migliaia seguiranno il concerto nelle piazze. Quindi tanti di loro saranno protagonisti dell'evento e potranno assistere ad un concerto unico nella loro città. Detto questo, non ci siamo mai nascosti: sappiamo bene che l'impatto - sia pur limitato nel tempo - c'è ed abbiamo lavorato e stiamo lavorando perché sia contenuto. Serve un po' di pazienza, ed in questo senso è una bella idea quella di VASCO di invitare ad assistere alle 'prove generali' del 29 giugno i residenti delle zone più vicine al Parco, per 'risarcirli' con tanta musica ed un sorriso". Cosa ha detto a VASCO Rossi quando è nata l'idea di questo megaconcerto? "L'ho ringraziato e ci siamo subito messi a lavorare con il suo team, che è fantastico", conclude il sindaco.


VASCO ROSSI A MODENA. CODACONS: FINO A 2.364 EURO PER VEDERE VASCO


Il "secondary ticketing" colpisce anche il concerto di Vasco Rossi del 1 luglio al Modena Park. La denuncia è del Codacons, che attraverso una indagine ha reperito sui siti secondari biglietti per l'evento "a prezzi astronomici". Su queste piattaforme web - come denuncia il Codacons - agli amanti del rocker vengono venduti biglietti a prezzi che raggiungono i 2.634 euro per il settore Pit1. Questo significa che i tagliandi di ingresso, che attraverso il canale ufficiale erano venduti a 75 euro, vengono piazzati con rincari di oltre il 3400%, "ricarichi abnormi e vergognosi che sfruttano la passione dei giovani per la musica". Il Codacons, che già in passato con le sue denunce ha portato la procura di Milano ad aprire un'inchiesta sul fenomeno e l'Antitrust ad elevare una multa milionaria agli operatori del settore, ha deciso di scendere nuovamente in campo, attraverso un nuovo esposto alla magistratura milanese, in cui si chiede di estendere le indagini anche al concerto di Vasco Rossi, "al fine di punire qualsiasi speculazione a danno degli utenti, dei fan del rocker e degli appassionati di musica".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
vasco rossi modenavasco rossi modena parkvasco rossi concerto modenavasco rossi concerto mdena park
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


casa, immobiliare
motori
Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.