A- A+
Esteri
Argentina: raggiunto accordo con i creditori, non ci sarà un nuovo default
Alberto Ángel Fernández

Argentina: accordo coi creditori, non ci sarà default

Non ci sarà, almeno per ora, un nuovo default per l'Argentina: in un comunicato il governo di Buenos Aires ha annunciato di aver raggiunto un accordo con i creditori internazionali per la ristrutturazione del debito.   In base all'accordo, il paese sudamericano "rivedrà alcune delle date di pagamento previste per il rimborso delle nuove obbligazioni" stabilite nella sua proposta di scambio presentata lo scorso 6 luglio. Il tutto "senza aumentare l'importo totale dei pagamenti di capitale o degli interessi che l'Argentina si impegna a effettuare". In altri termini, è stata prolungata la durata della sua offerta, che mira a scambiare obbligazioni estere per 66,238 miliardi di dollari, da oggi fino al 24 agosto. In particolare, i titoli di debito da ristrutturare, emessi nel 2005 e nel 2010 e a partire dal 2016, saranno scambiati con nuovi titoli in dollari ed euro con scadenze nel 2029, 2030 e 2038.

Argentina: adeguerà alcune delle date di pagamento per le nuove obbligazioni stabilite

In realtà anche se il Paese non è andato tecnicamente in default, secondo alcuni osservatori questo passo è necessario proprio per rinegoziare con l'Fmi un nuovo piano di aiuti che se fosse dichiaratamente insolvente, non potrebbe invece farlo. Secondo l'accordo raggiunto ieri notte tra il governo di Buenos Aires e i creditori internazionali, il paese "adeguerà alcune delle date di pagamento previste per le nuove obbligazioni stabilite nella sua proposta di scambio presentata il 6 luglio. "Senza aumentare l'ammontare totale dei pagamenti principali o degli interessi che l'Argentina si impegna a realizzare e allo stesso tempo migliorare il valore della proposta per la comunità dei creditori", ha affermato il Governo.

Perché l'accordo sia efficace e atto a formalizzare l'adesione degli obbligazionisti, l'Argentina, che è in recessione dal 2018, ha nuovamente prorogato il periodo di validità della sua offerta da oggi fino al 24 agosto, che cerca di scambiare obbligazioni di diritto estero per 66.238 milioni di dollari. In particolare, la dichiarazione dell'esecutivo specifica che le obbligazioni da ristrutturare, emesse nel 2005 e 2010 e dal 2016, saranno scambiate con nuovi titoli in dollari ed euro con scadenze nel 2029, 2030 e 2038.

"L'Argentina, soggetta all'opportunità di dimostrare il suo sostegno da parte della comunità internazionale in generale, adeguerà alcuni aspetti delle clausole di azione collettiva nei documenti dei nuovi titoli per rispondere alle proposte presentate dai membri della comunità creditore", osserva il Governo. Il governo del peronista Alberto Fernández e gli obbligazionisti di diritto straniero hanno avviato intense negoziazioni dallo scorso aprile quando il paese ha lanciato la sua prima offerta di scambio, che non ha ricevuto l'ammontare minimo di adesione necessario.

Argentina: tra la proposta del Governo e quella dei creditori differenza di circa 3 dollari

Da allora, mentre l'Argentina ha ripetutamente prorogato i termini per raggiungere un accordo, entrambe le parti hanno scambiato varie proposte. È stato il 6 luglio quando l'esecutivo Fernández ha formalizzato ciò che ha insistito fosse la sua ultima e ultima offerta, con miglioramenti rispetto al primo, ma che è stato respinto dai tre maggiori gruppi di creditori privati, che hanno risposto con una controfferta congiunta. Secondo le stime, la differenza tra le due proposte, quella del governo e quella dei creditori, è stata ridotta solo a circa tre dollari, poiché mentre l'offerta argentina era valutata a circa 53 dollari, quella dei creditori era valutata a circa 56 dollari. Insieme ai colloqui per risolvere lo scambio del proprio debito estero, l'Argentina cerca, d'altra parte, di raggiungere un accordo con il Fondo monetario internazionale, per finalizzare il pagamento del prestito di 44.000 milioni di dollari che l'agenzia ha contratto nel 2018. Ma in realtà mirerebbe ad estendere tale piano di aiuti. Intanto, la scorsa settimana il Senato ha approvato un progetto che cerca di avviare negoziati tra il Paese e i detentori di 41,714 milioni di dollaro di debito in base alla legge locale. 

Loading...
Commenti
    Tags:
    argentinaargentina defaultargentina accordo creditoridefault
    Loading...
    in evidenza
    Gregoraci, bacio col bel Pierpaolo La piscina è bollente. Foto-Video

    GRANDE FRATELLO VIP 5 NEWS, SQUALIFICA E NOMINATION

    Gregoraci, bacio col bel Pierpaolo
    La piscina è bollente. Foto-Video

    i più visti
    in vetrina
    JENNIFER LOPEZ, bikini da infarto. JLo a 51 anni fa sognare. Le foto delle Vip

    JENNIFER LOPEZ, bikini da infarto. JLo a 51 anni fa sognare. Le foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Opel Mokka prezzi a partire da 22.200 Euro in Italia

    Nuova Opel Mokka prezzi a partire da 22.200 Euro in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.