A- A+
Esteri
Armi nucleari, disgelo Cina-Usa: ripresi i colloqui informali dopo 5 anni

Usa-Cina, riprendono i colloqui semi-ufficiali sugli armamenti nucleari dopo cinque anni

Mentre Pechino accerchia l'isola di Taiwan con 36 aerei e sette navi da guerra, mettendo in allerta il mondo intero, gli Stati Uniti e il Dragone riprendono i colloqui semi-ufficiali sugli armamenti nucleari a marzo, per la prima volta dopo un silenzio di cinque anni. Al centro dell'incontro, riporta Reuters, le preoccupazioni da parte degli Usa per un potenziale attacco atomico all'isola che la Repubblica popolare rivendica come parte "inalienabile" del suo territorio da riunificare anche con la forza, se necessario. I rappresentati cinesi hanno però offerto rassicurazioni in merito alla questione Taiwan.

"Hanno detto agli Stati Uniti che erano assolutamente convinti di poter prevalere in una battaglia convenzionale su Taiwan senza l'uso di armi nucleari", ha detto David Santoro, l'organizzatore dalla parte Usa dei colloqui denominati Track Two. Nel dialogo sono generalmente coinvolti ex funzionari e accademici che possono parlare con autorità della posizione del loro governo, anche se non sono direttamente coinvolti. I negoziati da governo a governo sono infatti noti come Track One.

LEGGI ANCHE: "Nucleare in Italia nel 2030? Infattibile. Mancano lavoratori specializzati"

Washington è rappresentata da una mezza dozzina di delegati, tra cui ex funzionari e studiosi, ai dibattiti di due giorni, che si sono svolti nella sala conferenze di un hotel di Shanghai. Pechino, invece, ha inviato una delegazione di studiosi e analisti, tra cui diversi ex ufficiali dell'Esercito popolare di liberazione. I colloqui del Track Two fanno parte di un dialogo ventennale sulle armi nucleari e sulla postura che si è bloccato dopo che l'amministrazione Trump ha ritirato i finanziamenti nel 2019. Superata la pandemia del Covid-19, le discussioni semi-ufficiali sono riprese su questioni più ampie di sicurezza ed energia, ma solo l'incontro di Shanghai ha trattato nel dettaglio le armi nucleari e la relativa postura. 

Nucleare, Putin: "Svilupperemo armamenti per la deterrenza" 

 Vladimir Putin ha dichiarato che la Russia prevede di continuare a sviluppare i propri armamenti nucleari "come garanzia di deterrenza strategica e equilibrio di potere nel mondo". Lo riporta la Tass. Vladimir Putin, in un incontro coi diplomati delle accademie militari russe, ha dichiarato che Mosca intende aumentare le forniture di armi "moderne" alle truppe russe al fronte: lo sostiene la Tass. "Aumenteremo le forniture di sistemi aerei senza pilota di diversi tipi, veicoli corazzati e mezzi di distruzione di precisione, aerei d'attacco, sistemi di rilevamento del nemico e di controbatteria, sistemi di controllo e comunicazione alle truppe in prima linea", ha detto Putin secondo l'agenzia di stampa statale russa riferendosi evidentemente all'invasione dell'Ucraina da parte dei militari del Cremlino.Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che Mosca è "pronta" a "un'ampia discussione internazionale" sulle questioni riguardanti la sicurezza in Europa e in Asia "anche con gli Stati europei e quelli membri della Nato". Lo riporta la Tass.

 






in evidenza
Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso

Boutique eleganti, collaborazioni costose e... L'analisi

Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso


in vetrina
Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore

Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore


motori
CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.