A- A+
Esteri
Baviera, ma quale risveglio verde dell'Ue. La Baviera si è spostata a destra

Tutti esperti di Baviera i giornaloni italiani e i commentatori da salotto dei talk show. La gran cassa filo-mondialista legge i risultati nel Land più ricco della Germania per spiegarci che il sogno dell'Unione europea e dell'accoglienza senza se e senza ma dei migranti, molti dei quali sono clandestini e non profughi, è ancora viva grazie a quel 17,5% realizzato dai Verdi della carismatica 33enne Katharina Schulze. Peccato che i consensi arrivati ai Grünen siano esattamente quelli persi in cinque anni dalla moribonda socialdemocrazia ridotta ormai a partitino del 9,7%.

A tutto ciò va aggiunto il clamoroso flop della sinistra radicale, la Linke, che non entra in Parlamento e non va oltre il 3,2% (e questo dato conferma che all'Ovest la Linke non tira, salvo casi eccezionali, e che è ancora un partito in gran parte legato all'ex regime comunista della Ddr). I numeri parlano chiaro, anche se qualcuno non vuole leggerli in maniera corretta: il 64,1% degli elettori bavaresi ha votato per partiti di destra o di centrodestra, esattamente come avveniva 20 o 30 anni fa. Nulla è cambiato come collocazione politica.

La Csu del ministro dell'Interno Horst Seehofer (37,2%) ha certamente subito una netta flessione ma, come dimostrano le liti con Angela Merkel, rappresenta l'ala destra dei conservatori tedeschi e, non a caso, Matteo Salvini ha subito legato con il suo collega tedesco vicino alle posizioni di Orban e dell'Austria sul tema della gestione dei flussi migratori. Nessuno, almeno tra i commentatori italiani, ha spiegato che i Freie Wähler (11,6%) sono una lista civica nata da una scissione a destra della Csu che, quasi certamente, governeranno la Baviera per i prossimi cinque anni proprio con i Cristiano Sociali, spostando il Land sud-orientale della Germania ancora più a destra.

C'è poi il 10,2% della destra estrema dell'Afd che sicuramente non ha fatto nessun boom ma per la prima volta entra nel Parlamento regionale e supera il partito storico della sinistra, l'Spd. Infine c'è il 5,1% dei liberali dell'Fdp che si sono risollevati (stavano scomparendo) proprio con una svolta euro-scettica e rigorista nei confronti dell'immigrazione. Quello che è successo domenica in Baviera è una sconfitta dei partiti tradizionali, socialdemocratici e cristiano sociali alleati della Merkel, ma se si considerano le posizioni dei Freie Wähler e dell'Afd, che hanno eroso un 10% circa alla Csu, il Land più ricco della Germania si è spostato su posizioni più dure verso i migranti e verso l'Unione europea, nonostante il tanto sbandierato successo dei Verdi.

Commenti
    Tags:
    baviera elezioni
    in evidenza
    Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

    Tra mobilità e sostenibilità

    Automotive, da ALD la svolta
    Arrivano nuove soluzioni green

    
    in vetrina
    Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

    Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


    motori
    BMW XM, alte prestazioni a trazione elettrificata

    BMW XM, alte prestazioni a trazione elettrificata

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.