A- A+
Esteri
Biden-Putin: entrambi sognano il disgelo, ma l'accordo è ancora lontano

A quasi tre mesi esatti di distanza da quell'intervista in cui gli diede dell'"assassino", Joe Biden incontra Vladimir Putin a Ginevra. Un summit molto atteso, in una città completamente blindata. Sono stati mobilitati circa duemila agenti della polizia locale e 900 agenti di altre parti della Svizzera. Anche l'esercito è presente con mille uomini, mentre lo spazio aereo è stato temporaneamente ridotto in un raggio di 50 chilometri e fino a seimila metri. L'incontro è stato posto sotto un "alto livello di minaccia" e gli hotel in cui soggiornano le due delegazioni sono guardati a vista.

BIDEN-PUTIN, QUELLO CHE CONTA DAVVERO NON VERRA' DETTO IN CONFERENZA

E' già stato chiarito che al termine dell'incontro non ci sarà una conferenza stampa congiunta, ma ce ne saranno due separate. Avvertenza: le dichiarazioni ufficiali si possono ascoltare e registrare, ma quello che davvero conta in questo summit sarà quello non verrà detto. Quantomeno non davanti a microfoni e telecamere. Le tensioni tra Stati Uniti e Russia, ma anche tra buona parte dell'Unione europea e Russia, non consentono sostanziali scostamenti dalla linea retorica mantenuta durante il G7 di Cornovaglia e il vertice Nato di Bruxelles.

Come sempre in questi incontri bilaterali, ma ancor di più in questa occasione, ciò che conta davvero è quanto si diranno i due interlocutori faccia a faccia, lontani da agende e taccuini. E, ancora più importante, la strategia di Pentagono e Cremlino, quella che non si annuncia ma si porta avanti nel tempo. Che l'agenda sia vasta, molto più vasta di quanto verrà detto a livello ufficiale, lo dimostra che non sono stati previsti limiti di tempo alla durata dei colloqui, così come è stata data ampia autonomia ai due presidenti che potranno restare in compagnia dei rispettivi rappresentanti diplomatici, il segretario di Stato Usa Antony Blinken e il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov, oppure restare anche a dialogare da soli.

BIDEN-PUTIN, L'AGENDA DEI COLLOQUI

Ma che cosa può esserci nell'agenda dei colloqui? Partiamo dagli aspetti che potrebbero essere esplicitati per passare poi a quelli più strategici. Innanzitutto, dovrebbero essere annunciati i ritorni dei rispettivi ambasciatori a Mosca e Washington. Un piccolo segnale comunque di riavvio di una relazione diplomatica precipitata ai minimi termini negli scorsi mesi, dopo i tentativi di Trump di riavvicinarsi a Mosca soffocati dal Pentagono e dal Russiagate. Spazio anche al riavvio del dialogo sul tema del controllo degli armamenti, dopo che Trump e Putin hanno messo fine ad alcuni accordi bilaterali in tal senso (con l'obiettivo di includere anche la Cina).

Da una parte, Biden si mostrerà duro sulle presunte influenze russe nei processi democratici occidentali e sulla questione della sicurezza cibernetica. Così come sul dissidente Navalny. Dall'altra parte, Putin ribadirà le sue posizioni sull'aggressività di Stati Uniti e Nato. Ma la realtà è che entrambi vogliono conoscere le rispettive linee rosse e i rispettivi paletti per cercare di dare una maggiore stabilità ai rapporti, seppur non ottimali.

BIDEN-PUTIN, LA STRATEGIA DI USA E RUSSIA

Poi però c'è la strategia. Abbiamo scritto qualche giorno fa di quella statunitense sulla Russia, ma che cosa pensa Mosca della sua posizione nel triangolo con Washington e Pechino? Ufficialmente, la Russia è proiettata a trasformare la partnership con la Cina in un'alleanza. Intervistato dalla tv americana Nbc, Putin ha dichiarato che le relazioni con la Cina rimangono a un livello "senza precedenti".  “La Cina è una nazione amichevole. Non ci ha dichiarato nemici, come hanno fatto gli Stati Uniti”, ha detto Putin.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cinajoe bidenrussiausavladimir putin





in evidenza
Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

La classifica comscore

Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)


in vetrina
Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"

Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"


motori
L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.