A- A+
Esteri
Bin Laden, ancora in prigione il medico che aiutò la Cia

Cinque anni fa aiutò la Cia a scovare Osama Bin Laden, ma Shakil Afridi, medico pachistano, venne arrestato poco dopo il blitz che portò alla cattura e all'uccisione dello sceicco del terrore e ancora oggi è in carcere, può vedere sua moglie e il figlio ogni due mesi. Afridi aderì a un programma segreto della Cia per spiare i terroristi in Pakistan e arrivare a Bin Laden.

Condusse una finta campagna di vaccinazioni per l'epatite C ad Abbottabad per prelevare campioni di dna anche tra gli inquilini della palazzina dove si sospettava ci fosse il covo di Osama.

Venne arrestato per attività sovversiva e alto tradimento poco dopo l'operazione, anche se ancora non è chiaro se il suo ruolo fu determinante, e condannato dal governo pakistano a 33 anni di prigione.

Suo fratello chiede aiuto: "Ho perso la speranza di rivederlo, non ho più fiducia nella giustizia. Non gli vengono garantiti neanche i diritti".

Gli Stati Uniti hanno fatto pressioni più volte per il suo rilascio e la sua condanna ha peggiorato i rapporti tra Stati Uniti e Pakistan. "Credo che l'unica soluzione - dice il suo legale Qamar Nadeem - sia che Stati Uniti e Pakistan si siedano allo stesso tavolo e discutano, possono trovare un accordo, altrimenti non vedo altre soluzioni".

Le campagne della Cia hanno avuto effetti drammatici. Dal 2012 i pachistani hanno dichiarato guerra alle vaccinazioni e soprattutto ai vaccinatori, medici e infermieri sospettati di collaborare con gli Stati Uniti e per questo uccisi.

Tags:
bin ladenmedico cia cattura
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.