A- A+
Esteri
"Cari sudditi, abituatevi alla povertà". Lo schiaffo della Banca d'Inghilterra

Inflazione, dalla Banca d’Inghilterra schiaffo al popolo

La Banca d’Inghilterra tira uno schiaffo in pieno volto al popolo. "In qualche modo nel Regno Unito, qualcuno deve accettare che sta peggio e smettere di cercare di mantenere il proprio potere di spesa reale aumentando i prezzi, sia che si tratti di salari più alti o di trasferire i costi energetici sui clienti, eccetera”.

A dare la stoccata è Huw Pill, capo economista della Banca d’Inghilterra, in un episodio della Columbia Law School e del podcast “Beyond Unprecedented” del Millstein Center.

Secondo Pill, le aziende ei lavoratori stanno cercando di trasferire l’impatto dell’inflazione l’uno sull’altro - e questo rischia un’inflazione persistente. “Quello che stiamo affrontando ora è quella riluttanza ad accettare che sì, stiamo tutti peggio, dobbiamo tutti prendere la nostra parte”. “Provare a trasferire quel costo su uno dei nostri connazionali e dire, andrà tutto bene ma dovranno prendere la nostra parte ... è uno che sta generando inflazione”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
banca d'inghilterra





in evidenza
Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)

Affari va in rete

Il "comizio" di Vittorio Sgarbi a Tricase (Lecce)


in vetrina
La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO

La voce di Robert De Niro nello spot elettorale di Biden: "Trump è un dittatore, vuole vendetta". VIDEO


motori
Nuovi incentivi auto: opportunità per l'Italia e l'industria automotive

Nuovi incentivi auto: opportunità per l'Italia e l'industria automotive

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.