A- A+
Esteri
Che cosa sappiamo della tragedia del Sinai

Quando si verifica una tragedia la gente amerebbe sapere tutto e subito. Cosa che la maggior parte delle volte è impossibile. Volendo fare chiarezza sul disastro dell’Airbus schiantatosi sul Sinai con 224 persone a bordo, per cominciare dovremmo ricordare che, se insistiamo troppo, fatalmente qualcuno “ci farà contenti” raccontandoci delle sciocchezze. Dunque è meglio allineare i pochi fatti certi per vedere che cosa sappiamo e che cosa non sappiamo.

L’aeroplano viaggiava a nove o diecimila metri d’altezza e, a detta di tutti i competenti, quelle sono le condizioni in cui un incidente è talmente improbabile che non val la pena di parlarne. Anche ad ammettere che un motore su due improvvisamente si fermasse, l’aeroplano arriverebbe felicemente a destinazione. I momenti più pericolosi sono invece il decollo, l’atterraggio e, per quanto possa sembrare strano, la circolazione sulle piste. Nel 1977, nelle Isole Canarie, morirono 583 persone in uno scontro a terra.

Anche ad ammettere che, contrariamente a tutto ciò che si sa, si sia verificato un problema ad alta quota, è comunque altissimamente improbabile che i piloti non abbiano avuto neppure i pochi secondi necessari per segnalare il guasto per radio. Dunque è evidente che si è verificato qualcosa di istantaneo. E - a giudicare dal totale silenzio dell’aereo - bisogna ipotizzare che l’aereo sia stato improvvisamente distrutto.

Ciò intanto ci consola sulla sorte delle persone a bordo. Verosimilmente o non hanno avuto nemmeno il tempo d’accorgersi che stavano per morire, oppure, se l’hanno avuto, è stato questione di secondi. Anche ad essere  proiettati vivi fuori dall’aereo, le condizioni di ossigeno e di temperatura, a diecimila metri, non consentono la sopravvivenza nemmeno per qualche minuto.

Se i due flight recorder (le due scatole arancione impropriamente denominate “scatore nere”) confermeranno questa ipotesi, che cioè l’aeroplano è stato improvvisamente trasformato in un rottame, il passo seguente è chiedersi che cosa può averlo provocato.

L’alternativa è una: o un missile o una bomba. Questo dilemma probabilmente non potrà essere risolto dall’esame dei registratori di volo (che potrebbero soltanto mostrare un improvviso encefalogramma piatto) e bisogna aspettare l’esame dei rottami. Sempre che i tecnici siano in grado di distinguere gli effetti di un missile da quello di una bomba.

Per quanto riguarda il missile, qualcuno dice che i terroristi non dispongono di armi tanto sofisticate, e neppure di personale tecnico sufficientemente esperto per usarle. Ma qualcun altro risponde che lo Stato Islamico ha potuto appropriarsi delle armi in dotazione all’Iraq presenti nei territori conquistati, e poi che, fra tanti affiliati, potrebbero non mancare i tecnici necessari. Per questa parte, non si può affermare nulla. Né costituisce prova la rivendicazione dello Stato Islamico: manca poco perché esso si attribuisca il “merito” delle alluvioni e dei terremoti.

L’ipotesi della bomba richiede evidentemente un’indagine poliziesca. L’ordigno potrebbe essere  stata portato sull’aereo da un passeggero, superando dunque i controlli all’imbarco: purtroppo, come hanno rivelato parecchie inchieste giornalistiche, la cosa  non è affatto inverosimile. Oppure – e più probabilmente – il terrorista potrebbe essere stato un membro del personale di terra dell’aeroporto. Basti pensare a quegli enormi carrelli a trenino che portano i bagagli sotto la stiva dei bagagli: non ci sarebbe nessuno difficoltà ad aggiungerci una “valigia” propria, piena di dinamite e con un timer per l’esplosione. Ma è inutile continuare. Quando si tratta di indagini poliziesche l’umanità ha fatto pratica sin dai tempi di Caino e Abele. Basti vedere un famoso caso giudiziario di cui si occupò Cicerone, da giovane, fino a far condannare il potente assassino e far assolvere il proprio cliente innocente, Roscio Amerino. La vicenda ricorda i migliori film giudiziari di Hollywood. Dunque gli inquirenti non hanno bisogno che gli si insegni il mestiere.

La sintesi è scarna e abbastanza insoddisfacente: sulla base dei dati disponibili può dirsi che l’aeroplano non è caduto per un guasto tecnico e dobbiamo ancora identificare i colpevoli.

Se si vuole esaminare la vicenda dal punto di vista politico, sempre che la responsabilità sia dell’estremismo islamico, può dirsi che gli autori dell’attentato non hanno fatto un affare. La Russia, anche a causa del suo “côté” asiatico, quello stesso che le ha fatto avere prima un sistema feudale e poi Stalin, non è mansueta come tanti Paesi occidentali. Se Putin sarà certo che i responsabili sono degli islamici integralisti, si può contare sul fatto che gli accarezzerà piuttosto rudemente la schiena, a qualunque gruppo appartengano. Se qualcuno ha dei dubbi chieda informazioni alla Cecenia,

Gianni Pardo
pardonuovo.myblog.it

 

Tags:
tragediasinai
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Opel Astra GSe: l’Astra più sportiva è ibrida plug-in

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.