A- A+
Esteri
Xi, anti G7 con le repubbliche ex sovietiche. Ed entra nel giardino di Putin
Xi Jinping e Vladimir Putin a Mosca nel marzo 2023

Vertice C+C5 tra Xi Jinping e i presidenti dei paesi ex sovietici dell'Asia centrale: l'anti G7

Mentre Joe Biden arringa i partner e alleati al summit del G7 a Hiroshima, provando ad arruolare nuove (o meglio più convinte) reclute in ottica non solo anti russa ma anche anti cinese, Xi Jinping ospita i cinque presidenti delle repubbliche ex sovietiche dell'Asia centrale. E lo ha fatto in un luogo altamente simbolico, anche se in modo diverso da Hiroshima. Se la città giapponese rappresenta la minaccia del disastro atomico, Xi'an è invece l'antica capitale imperiale cinese e soprattutto il punto d'origine della storica Via della Seta.

Una sorta di anti G7, in cui Pechino risponde alle accuse dell'occidente su coercizione economica e allineamento alla Russia mostrando il volto buono ai paesi di un'area altamente strategica, in cui sta guadagnando sempre più posizioni dopo la guerra in Ucraina e il ritiro degli Stati Uniti dall'Afghanistan. Allo stesso tempo "mangiandosi" un pezzo della sfera d'influenza di Vladimir Putin nel giardino di casa del Cremlino. 

Riuniti al cospetto del presidente cinese anche Sadyr Japarov (Kirghizistan), Emomali Rahmon (Tagikistan), Shavkat Mirziyoyev (Uzbekistan) e Serdar Berdimuhamedov (Turkmenistan). Dopo i bilaterali di giovedì, Xi ha presentato venerdì un grande piano per lo sviluppo dell'Asia centrale, dalla costruzione di infrastrutture al potenziamento del commercio, assumendo un nuovo ruolo di leadership nella regione.

La Cina si dice pronta a coordinare le strategie di sviluppo con il Kazakistan, il Kirghizistan, il Tagikistan, il Turkmenistan e l'Uzbekistan e a promuovere la modernizzazione di tutti, ha dichiarato Xi nel suo atteso discorso. Xi ha detto che la Cina e i Paesi dell'Asia centrale dovrebbero approfondire la fiducia e offrire un "chiaro e forte sostegno" su interessi fondamentali come la sovranità, l'indipendenza, la dignità nazionale e lo sviluppo a lungo termine.

Il nuovo grande piano di sviluppo cinese: economia, gasdotti ma anche sicurezza

Incoraggerà le imprese finanziate dalla Cina in Asia centrale a creare più posti di lavoro, a costruire magazzini e a lanciare un servizio ferroviario speciale per promuovere il turismo. "Per rafforzare la nostra cooperazione e lo sviluppo dell'Asia centrale, la Cina fornirà ai Paesi dell'Asia centrale un totale di 26 miliardi di yuan (3,8 miliardi di dollari) di sostegno finanziario e sovvenzioni", ha dichiarato Xi.

Da tre giorni il Quotidiano del Popolo presenta nelle prime pagine foto e commenti sul vertice, a cui è stata data grande importanza. La regione è importante per la Cina da diversi punti di vista. Il primo commerciale: l'anno scorso il commercio bidirezionale tra la Cina e l'Asia centrale ha raggiunto la cifra record di 70 miliardi di dollari, con il Kazakistan in testa con 31 miliardi di dollari. 

Il secondo è energetico. A margine del vertice, il gigante energetico cinese Sinopec e la kazaka KayMunayGaz hanno concordato i termini chiave per un potenziale investimento in un progetto di polietilene nella regione di Atryau, nel Kazakistan occidentale. Chiuso un accordo sul gas anche con uil Turkmenistan, mentre Xi ha inoltre la Cina e l'Asia centrale ad aumentare gli scambi di petrolio, a sviluppare la cooperazione energetica attraverso le catene industriali e a potenziare la cooperazione sulle nuove energie e sull'uso pacifico dell'energia nucleare.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
asia centralecinavladimir putin





in evidenza
Atletica: Tamberi-Battocletti, doppio oro. Gimbo-show con Mattarella

Spettacolo agli Europei di Roma

Atletica: Tamberi-Battocletti, doppio oro. Gimbo-show con Mattarella


in vetrina
Carrà, in vendita la villa all'Argentario Prezzo (quasi) accessibile. FOTO

Carrà, in vendita la villa all'Argentario
Prezzo (quasi) accessibile. FOTO


motori
“Citroën Drive Castiglione Electric” la mobilità elettrica arriva in Toscana

“Citroën Drive Castiglione Electric” la mobilità elettrica arriva in Toscana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.