A- A+
Esteri
Clima: Parigi, patto dei leader. Hollande: mai sfida così grande

"Il mondo non ha mai affrontato una sfida cosi' grande": con questo monito, il presidente francese, Francois Hollande, ha aperto il vertice mondiale per la 21ma Conferenza dell'Onu sui cambiamenti climatici che dovra' cercare un accordo per scongiurare una catastrofe ambientale irreversibile. Gli obiettivi sono la riduzione delle emissioni ma anche un aumento degli investimenti nelle energie rinnovabili, in mod da scongiurare un aumento della temperatura terrestre oltre i due gradi rispetto all'era preindustriale. Il summit dei 150 leader mondiali segna l'inizio della conferenza che si chiudera' l'11 dicembre, con un testo che dovrebbe essere "vincolante". "Il successo e' alla nostra portata ma ancora non e' stato raggiunto. La posta in gioco e' troppo importante per potersi accontentare di un accordo al ribasso. Abbiamo un obbligo di successo", ha affermato il ministro degli Esteri francese, Laurent Fabius.

Il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon ha chiesto di osservare un minuto di silenzio per le vittime delle stragi del 30 novembre. "Abbiamo nelle mani il futuro delle prossime generazioni", ha poi avvertito". Hollande ha esortato a "lottare per il clima come contro il terrorismo" osservando che "i cambiamenti climatici "creano piu' migrazioni delle guerre". Barack Obama ha ammesso che gli Usa "hanno contribuito a creare il problema" e ha avvertito che "siamo l'ultima generazione che puo' cambiare le cose".

"Dobbiamo avere qui, adesso, il potere di cambiare", ha aggiunto. Il presidente cinese, Xi Jinping, ha assicurato che il suo Paese "si impegna nella campagna mondiale su cambiamenti climatici" e per questo "gli impegni ecologici saranno in cima all'agenda dei prossimi piani pluriennali". Per Vladimir Putin "si puo' crescere riducendo le emissioni" e il presidente russo ha proposto un Forum mondiale a guida Onu. Per il presidente del Consiglio Matteo Renzi il futuro del pianeta e' "una sfida che riguarda tutti noi, i nostri figli e i nostri nipoti".
  Parigi dovrebbe sancire un patto per contenere il riscaldamento climatico globale, dopo il fallimento della conferenza di Copenaghen nel 2009.

Dalla rivoluzione industriale, le temperature sono aumentate di poco meno di un grado e nei 23 anni trascorsi dalla conferenza di Rio le emissioni di gas serra sono ulteriormente cresciute, con un nuovo record l'anno scorso. Gli Stati Uniti hanno recentemente escluso di voler firmare qualcosa che assomiglia un "trattato", mentre la Francia insiste sulla necessita' che ci sia almeno una parte di obblighi da rispettare. Un altro tema "caldo" riguarda la "decarbonizzazione": non e' ancora sicuro se ci sara' un impegno chiaro su questo nelle conclusioni e al momento si ipotizzano formulazioni vaghe ("trasformazione verso un mondo a basso utilizzo di carbonio").

Tags:
climaparigileaderhollande
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.