A- A+
Esteri
Conferenza Palermo, l'Italia incassa l'ok di Haftar-Sarraj. M5S: "Bravo Conte"

La conferenza di Palermo sulla Libia incassa la partecipazione dell'uomo forte della Cirenaica. Nei colloqui che ha avuto a Roma con il premier Giuseppe Conte e il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, il generale Khalifa Haftar ha assicurato che sara' in Sicilia il 12 e il 13 novembre. Una conferma importante per il governo italiano che ritiene indispensabile coinvolgere a Palermo tutte le anime della Libia per il successo di una conferenza che, probabilmente, sara' disertata dai big internazionali (finora dei leader invitati ha confermato solo la cancelliera Angela Merkel).

Per questo negli ultimi giorni Roma ha aumentato il pressing sulle parti libiche. Tre giorni fa Conte ha incontrato il capo del governo di Tripoli Fayez al Serraj, mercoledi' arriveranno a Roma il presidente del Consiglio di Stato Khaled al Mishri e il presidente del Parlamento di Tobruk Agila Saleh. Con Haftar, da sempre scettico sull'iniziativa italiana e indeciso sino all'ultimo se partecipare, il premier Conte ha avuto domenica sera un incontro "lungo e articolato" nel corso del quale il generale ha assicurato la sua "disponibilita' ad un confronto che si auspica costruttivo e che rappresenti la premessa di un reale processo di unificazione in linea con le perduranti aspettative del popolo libico".

La possibile presenza in Sicilia del generale era stata anticipata nei giorni scorsi dal ministro Moavero, che a meta' ottobre ha inviato a Bengasi la vice ministra degli Esteri Emanuela Del Re. Da settimane la rappresentante della Farnesina sta facendo la spola tra Tripoli e la Cirenaica con l'obiettivo di portare a Palermo i 'pezzi grossi' libici. Il presidente del Consiglio oggi ha sottolineato che quella di novembre sara' una conferenza "per la Libia e non sulla Libia", ribadendo di voler svolgere il ruolo di "facilitatore".

La presenza di tutti i principali attori libici, fa sapere Palazzo Chigi, e' "finalizzata a sostenere le condizioni di sicurezza e di sviluppo economico, nonche' il rafforzamento del quadro politico-costituzionale, quale base per un ordinato processo politico fondato sul Piano d'Azione delle Nazioni Unite". Palermo sara', infatti, la prima occasione per discutere il nuovo piano dell'Onu per la Libia che l'inviato speciale dell'Onu Ghassan Salame', anch'egli ricevuto da Conte nei giorni scorsi, presentera' ad una riunione del Consiglio di Sicurezza l'8 novembre.

"Esprimiamo piena soddisfazione per il risultato ottenuto dal presidente Conte sulla Libia". Così in una nota i membri della commissione Affari Esteri del MoVimento 5 Stelle. "L'Italia - prosegue la nota - ha ottenuto l'adesione di entrambi i principali attori politici libici per la conferenza di Palermo del 12 e il 13 novembre. Fayez al Sarraj, capo del governo di accordo nazionale di Tripoli e il generale Khalifa Haftar, comandante dell'autoproclamato Esercito nazionale libico si ritroveranno riuniti al tavolo per discutere con il nostro Governo".

"L'incontro sarà cruciale per consolidare un dialogo costruttivo finalizzato a risolvere grandi questioni, come quella dei flussi migratori. Il Governo in questo senso si è impegnato sin dal suo insediamento e oggi, davanti ai primi risultati concreti non possiamo far altro che sentirci orgogliosi di quanto ottenuto", concludono i 5 Stelle.

Commenti
    Tags:
    libiagiuseppe conte
    in evidenza
    Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

    Stramare, nuova Diletta

    Carolina, la musa del calcio
    Regina della serie B in tv

    i più visti
    in vetrina
    Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

    Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


    casa, immobiliare
    motori
    Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

    Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.