A- A+
Esteri
Coronavirus, alta tensione Trump-Cina. "Cancellazione forzata del debito"
Donald Trump e Xi Jinping (foto Lapresse)

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, torna a puntare il dito contro la Cina che, ritiene, “farà qualsiasi cosa possa” per fargli perdere la corsa alla rielezione alla Casa Bianca. Pechino respinge l'ipotesi: "non cerchino di coinvolgerci, l'elezione è un fatto interno".    Il modo in cui la Cina ha gestito l’epidemia di coronavirus, ha detto Trump in un’intervista concessa all’agenzia Reuters, ne è la dimostrazione. Nonostante continui a definire il presidente cinese, Xi Jinping, un “amico”, il presidente Usa dichiara di stare lavorando a varie opzioni per mettere Pechino di fronte alle proprie responsabilità nella diffusione del virus.    

Coronavirus, economia, disoccupazione: i messaggi di Xi sulle sfide della Cina

Coronavirus, si allarga il fronte anti Cina. Trump in guerra con vista voto

Coronavirus: Cina e Wuhan riaprono. Ma ci sono ancora ostacoli sulla via di Xi

Coronavirus, Italia (ancora) nella sfida tra potenze. Di Maio usa la Cina per rivitalizzare l'euroscetticismo a 5 Stelle

Trump dichiara di aver visto delle prove che collegherebbero il coronavirus al laboratorio di Wuhan, in Cina. Lo ha detto rispondendo ai cronisti che gli chiedevano di commentare la dichiarazione dell'Ufficio del Direttore della National Intelligence (Dni) che esclude il Covid sia stato creato in laboratorio.

E poi torna a minacciare tariffe contro la Cina per il coronavirus. Incalzato sulla possibilita' di cancellare parte dei debiti obbligazionari, Trump ha risposto: "potrei farlo con le tariffe". 

“Ci sono molte cose che posso fare. Stiamo cercando di capire cosa è successo”, ha risposto Trump a una domanda sul possibile ricorso alle tariffe o alla cancellazione del debito. La Cina, è la tesi di Trump, gli preferirebbe il suo sfidante, il democratico Joe Biden, nella speranza di un alleviamento della pressione sul Paese imposto dalla sua amministrazione.    

Da Pechino, il portavoce del Ministero degli Esteri cinese, Geng Shuang, ha ribadito che la Cina non è interessata a interferire nelle elezioni del 3 novembre prossimo. “L’elezione è una questione interna degli Stati Uniti”, ha detto il portavoce, e gli Stati Uniti “non cerchino di coinvolgere la Cina”.

Al centro delle polemiche c’è il Wuhan Institute of Virology, sospettato di essere il luogo da cui è nato il coronavirus, che negli Usa ha provocato più vittime della guerra in Vietnam. “Ci sono molti laboratori in Cina che stanno continuando a condurre un lavoro, riteniamo, su patogeni contagiosi in Cina oggi”, ha detto il segretario di Stato Usa, Mike Pompeo, “e non sappiamo se stanno operando a un livello di sicurezza tale da prevenire che questo accada di nuovo”. Secondo le ultime informazioni, l’intelligence Usa ritiene che il virus non sia stato creato dall’uomo o geneticamente modificato, ma continua a indagare sulla possibilità di un collegamento con il laboratorio di Wuhan.    

Pechino ribadisce invece che l’origine del coronavirus è materia di studio per gli scienziati e respinge l’accusa di averlo originato come un tentativo di “stigmatizzare” la Cina, tesi ribadita nelle scorse ore anche dal vice ministero degli Esteri cinese, Le Yucheng. L’ipotesi di un’inchiesta internazionale sulla pandemia trova Pechino nettamente contraria: sarebbe “politicizzata”, ha detto alla Nbc il funzionario cinese, e basata sulla “presunzione di colpevolezza”. Su questo fronte, la Cina è ai ferri corti con l’Australia, molto attiva nel promuovere un’inchiesta indipendente tra i Paesi membri dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Pechino definisce l’Australia il portavoce delle posizioni statunitensi e minaccia ritorsioni sul piano economico, ma il primo ministro Scott Morrison ritiene l'inchiesta “assolutamente ragionevole”. Dubbi sull’iniziativa emersi da Francia e Gran Bretagna rendono, però, complicato formare una coalizione. Intanto, a soffiare sul fuoco è anche il direttore del tabloid Global Times, il più agguerrito giornale cinese sui temi di politica estera, Hu Xijin. L’Australia, ha scritto sul suo account Weibo, il social più popolare in Cina, è come “una gomma da masticare incollata alla suola della Cina. Devi trovare una pietra per liberartene”. 

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronavirustrumpcinaelezioni usausa 2020
    Loading...
    in evidenza
    Messico 1970, la partita del secolo Quando l'Italia attaccò e vinse

    Il rigoletto

    Messico 1970, la partita del secolo
    Quando l'Italia attaccò e vinse

    i più visti
    in vetrina
    Previsioni meteo, temporali al centrosud: nel weekend torna il bel tempo

    Previsioni meteo, temporali al centrosud: nel weekend torna il bel tempo


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Cupra vira verso l’elettrico e lancia tre nuovi modelli ibridi

    Cupra vira verso l’elettrico e lancia tre nuovi modelli ibridi


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.