A- A+
Esteri
Francia, Macron flirta con la gauche ma Le Pen lo insidia. Guida alle elezioni

Elezioni Francia 2022: tutti i temi della sfida decisiva tra Macron e Le Pen

Il giorno della resa dei conti è arrivato. Emmanuel Macron contro Marine Le Pen. Marine Le Pen contro Emmanuel Macron. La Francia sceglie il suo futuro, ma quanto decideranno i francesi avrà una ricaduta anche in tutta Europa e potrebbe cambiare gli equilibri non solo regionali ma anche globali. Mai come questa volta, il ballottaggio di un voto presidenziale europeo avrà una ricaduta più vasta, ben al di là dei confini nazionali.

Si tratta, ovviamente, di una rivincita. Cinque anni fa, però, più che una sfida fu un monologo. Nel 2017, infatti, al secondo turno Macron vinse con il 66,1% contro il 33,9% di Le Pen. Stavolta, invece gli ultimissimi sondaggi restituiscono una fotografia ben più incerta: secondo Odoxa Mascaret il presidente uscente sarebbe al 53% contro il 47% di Le Pen. In molti rta l'altro ricordano l'alta percentuale di indecisi o coloro che non sembrano intenzionati a votare. 

Da una parte il presidente pensatore, forse il più profondo visionario in materia di geopolitica. Argomento particolarmente attuale vista la guerra in Ucraina. Qualche anno fa, Macron parlò di "morte cerebrale della Nato" e invitava l'occidente ad avvicinarsi a Mosca per non lasciarla nell'abbraccio della Cina. Avvertimenti rimasti inascoltati, così come quello della necessità di un'autonomia strategica europea più forte.

Dall'altra parte una candidata accomunata alla destra radicale che però si presenta come una candidata della porta accanto. La discesa in campo di Zemmour ha offerto a Le Pen la possibilità di fare qualcosa che non era mai riuscita a fare nel suo ormai lungo passato politico: spostarsi verso il centrodestra e stemperare l'ala radicale che l'ha sempre punita in occasione del secondo turno dove i francesi tendono a votare per il candidato più moderato. Le Pen ha costruito la sua campagna elettorale su temi molto concreti. Un modo per allontanare le solite critiche di estremismo ma anche per farsi percepire come più vicina alla gente comune rispetto a un Macron che parla spesso di massimi sistemi ma quasi mai di cose quotidiane. Anche la contingenza, cioè la guerra in Ucraina e la presidenza di turno della Francia in Ue, ha spinto il presidente francese a concentrarsi sul grande disegno geopolitico. Tralasciando forse argomenti più a cuore dei francesi comuni.

Elezioni Francia, la mappa del voto. Macron e Le Pen corteggiano Mélenchon

Ed ecco che allora Le Pen si è concentrata sulla riduzione dell'Iva, con la proposta di portarla dal 20% al 5,5% su benzina, gas ed elettricità. Le Pen propone poi la nazionalizzazione delle autostrade e spinge per il rafforzamento del potere d'acquisto dei cittadini delle classi sociali meno elevati. Col solito contorno di "boost" alla sicurezza, tema mai scomparso dall'ondata di attentati cominciata nel 2013. Le Pen presenta Macron come simbolo del potere arrogante e se stessa come la candidata della porta accanto.

Tra i candidati sconfitti al primo turno, ad aver chiaramente espresso le proprie intenzioni di voto e dato indicazioni al proprio elettorato è stata Valérie Pécresse della destra gollista (4,8%), l'ambientalista Yannick Jadot (4,6%), la socialista Anne Hidalgo (2%) e il comunista Fabien Roussel (2,3%).  L'ex presidente Nicolas Sarkozy ha annunciato che al secondo turno voterà per Macron, facendo scattare reazioni contrastanti e critiche da una parte della classe politica, spaccando ulteriormente il partito di Les Républicains (LR). Stessa scelta per il socialista Lionel Jospin, primo ministro di coabitazione sotto la presidenza Chirac (1997-2202), due volte candidato alle presidenziali nel 1995 e nel 2002, anno in cui al primo turno fu sconfitto da Jean-Marie Le Pen.

Jean-Luc Mélenchon, arrivato al terzo posto (22%), ha invece dichiarato che "non va dato un solo voto a Le Pen", ma non ha chiesto al suo elettorato di votare Macron. Ma sono proprio i voti dei suoi elettori che potrebbero essere decisivi. Pensare che tutti gli elettori di Mélenchon voteranno davvero per Macron appare una conclusione frettolosa. Mélenchon parla infatti a un elettorato per certi versi simile a quello di Le Pen. Persone arrabbiate per la presidenza Macron e con attenzione al tema del potere d'acquisto. Elettori che potrebbero intravedere continuità proprio con Le Pen, più che con Macron, in vista del secondo turno. Nei suoi comizi, Melenchon si è sovente rivolto in modo dialogante agli elettori di estrema destra, definiti "arrabbiati ma non fascisti". Circa un terzo di chi ha votato Melenchon, sarebbe pronto a votare Le Pen in caso di ballottaggio contro Macron. Sommando i voti raggranellati nel primo turno da Le Pen, Zemmour, Mélenchon e di altri candidati minori del campo radicale si arriva ben oltre il 50%. Questo significa che la partita è tutt'altro che chiusa.

(Continua nella pagina seguente...)

Commenti
    Tags:
    elezioni francia 2022elezioni francia risultatielezioni francia ultimi sondaggiemmanuel macronmarine le pen





    in evidenza
    Harry Potter, la scrittrice contro gli attori: "Fanno il tifo per i minori trans"

    Culture

    Harry Potter, la scrittrice contro gli attori: "Fanno il tifo per i minori trans"

    
    in vetrina
    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


    motori
    La Formula 1 conferma due appuntamenti cruciali nel calendario 2025 con i Gran Premi di Imola e Monza

    La Formula 1 conferma due appuntamenti cruciali nel calendario 2025 con i Gran Premi di Imola e Monza

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.