A- A+
Esteri
Elnaz Rekabi atterra in Iran: festeggiata dalla folla come un’eroina
Elnaz Rekabi

Elnaz Rekabi atterra a Teheran: festeggiata dalla folla come un’eroina

La scalatrice iraniana Elnaz Rekabi, che domenica aveva gareggiato senza il velo ai Campionati asiatici di arrampicata in Corea del Sud, è tornata a casa. Diventata il nuovo simbolo delle proteste contro il velo che stanno scuotendo l'Iran dopo la morte di Mahsa Amini, è arrivata in aeroporto di Teheran indossando una felpa nera e un berretto da baseball; ad attenderla c'erano i suoi genitori e, a quanto risulta da filmati pubblicati sulle reti sociali, una folla che la ha accolta con mazzi di fiori e slogan come “Elnaz è un'eroina”.

Elnaz Rekabi torna in Iran: dopo la “scomparsa”, il messaggio social

Dopo aver disobbedito alle restrizioni della Repubblica islamica, che impone il velo anche alle sportive all'estero, Rekabi era “misteriosamente scomparsa” dopo la gara”; alcune associazioni per i diritti umani, in particolare, avevano espresso preoccupazione dopo le affermazioni di alcuni amici della scalatrice, che non erano riusciti a contattarla. Di contro, l’ambasciata iraniana a Seoul aveva smentito il fatto in una dichiarazione a France Presse: “Tutte le notizie false e la disinformazione riguardanti l'atleta”.

Martedì, poi, la ricomparsa, con un messaggio della stessa Elnaz sul suo profilo Instagram, messaggio poi ribadito dopo l’atterraggio a Teheran in una breve intervista con i media statali iraniani: "A causa dell'atmosfera che regnava nelle finali della competizione, e dell'inaspettato invito a iniziare la mia gara, mi sono impigliata con la mia attrezzatura tecnica e questo mi ha portato a non rendermi conto dell'hijab al quale avrei dovuto fare attenzione”. E ha poi aggiunto di essere “tornata in Iran pacificamente, in perfetta salute e secondo il piano prestabilito”.

La scalatrice iraniana accolta tra gli applausi; ora l’aspetta il carcere?

“Mi scuso con il popolo iraniano per le tensioni create – ha proseguito l'arrampicatrice – Non avevo intenzione di abbandonare la nazionale”. Secondo il sito di notizie dell'opposizione persiana Iran Wire, però, la sportiva sarebbe stata destinata a un trasferimento diretto nella prigione di Evin; e riferisce anche che non si avrebbero notizie del fratello Davood Rekabi, dopo la sua convocazione presso un ufficio dell'intelligence iraniana.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
aeroportoatletaeroinafesteggiatafollairan





in evidenza
Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

La classifica comscore

Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)


in vetrina
Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"

Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"


motori
L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.