A- A+
Esteri
Francia, Macron studia il governo tecnico anti Le Pen. Lagarde (Bce) in pole
Christine Lagarde

Francia, difficile la maggioranza assoluta per Le Pen, Macron prepara un governo tecnico

Il secondo turno delle elezioni legislative francesi si avvicina, ma dopo la definizione delle sfide ai ballottaggi per il Rassemblement national le cose sembrano complicarsi. Il re dei sondaggi francesi spiega gli scenari in vista del voto di domenica. Brice Teinturier sostiene che il partito di Le Pen e Bardella "non avrà la maggioranza assoluta". La decisione presa da molti candidati macroniani e della Sinistra di ritirarsi a favore dell'esponente che si era piazzato meglio al primo turno ha stravolto la situazione. "Sono esplosi i duelli - spiega Teinturier a Il Corriere della Sera - da 190 a 403; in cui uno dei due aspiranti deputati è spesso un esponente della destra estrema, il che trasformerà in molti casi il voto – come auspicava lo schieramento di sinistra – in un referendum pro o contro il Rassemblement national. Le triangolari favorivano il Rassemblement national, perché era arrivato in testa al primo turno in numerose circoscrizioni. Più candidati si ritirano e meno Rn ha la chance di avere la maggioranza assoluta. Adesso questa possibilità è completamente da scartare".

Leggi anche: "Le Pen meglio di Macron per l'industria italiana: mi aspetto sorprese da Bce"

Calcoli che sta facendo anche Macron all'Eliseo, per questo il presidente francese per fermare l'avanzata dell'ultradestra sta pensando a un governo tecnico. A definirne la tipologia è stato proprio il premier Attal, braccio destro di Macron. Un governo tecnico "à l’italienne", o una grande coalizione alla tedesca: comunque, un esecutivo di larghe intese. Le definizioni variano, anche perché è un assetto politico-istituzionale tutto da inventare, davanti al rischio di un Paese ingovernabile per mesi. Cercasi quindi - riporta La Repubblica - Mario Draghi francese. Chi potrebbe tenere a battesimo una soluzione del genere? Gli sguardi si dirigono verso la Bce, dove oggi c’è Christine Lagarde. Macron le aveva già proposto di diventare premier all’inizio dell’anno.

"Sarei onorata di servire di nuovo il mio Paese, ma ho una missione da compiere", aveva risposto allora Lagarde, insistendo sul fatto che non poteva abbandonare la battaglia contro l’inflazione. "Mi proponessero anche di essere la Regina di Prussia direi di no", spiegava la presidente della Bce, aggiungendo: "In questo momento". Ecco, il momento è cambiato. Qualche schiarita sull’inflazione è cominciata a vedersi, ma soprattutto il grande malato dell’Europa rischia di diventare la Francia.






in evidenza
Affari in Rete

Esteri

Affari in Rete


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
NISMO torna in Europa con la nuova Nissan Ariya NISMO elettrica

NISMO torna in Europa con la nuova Nissan Ariya NISMO elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.