A- A+
Esteri
Gerusalemme, altro fuoco alle polveri: la tensione perenne tra ebrei-musulmani

Gerusalemme, nuovo attacco nella notte: l'irruzione è un pretesto per impossessarsi del Monte del Tempio. Analisi 

L’assalto da parte dell’esercito israeliano nella moschea di Al-Aqsa segna nuovo punto di non ritorno nell’insanabile conflitto arabo israeliano. Un anno fa, sempre in questi giorni, nel cuore di Tel Aviv, le tensioni scatenate dall’incapacità reciproca di trovare un punto di accordo e di equilibrio duraturo culminarono nell’attacco all’Ilka Bar (clicca qui per recuperare l'articolo). Da allora, malgrado i tentativi volti a frenare l’escalation di violenze, non ultimo il vertice tenutosi a Aqaba lo scorso 26 febbraio fra Egitto, Palestina, Israele, Giordania e Stati Uniti, nulla è cambiato.

Unanime la condanna del mondo arabo e mussulmano. Il governo giordano - la cui famiglia reale è custode dei luoghi sacri di Gerusalemme – unitamente al ministero degli Esteri egiziano la considerano una gravissima "violazione di tutte le leggi e le consuetudini internazionali". Anche il primo ministro dell'Autorità palestinese, Mohammad Ibrahim Shtayyeh, ha stigmatizzato le azioni della polizia israeliana, affermando che "quello che sta accadendo a Gerusalemme è un grave crimine contro i fedeli" aggiungendo che "Israele non vuole imparare dalla storia, che al-Aqsa è per i palestinesi e per tutti gli arabi e i musulmani un luogo santo, e che l'irruzione ha scatenato una reazione contro l'occupazione".

La convergenza della Pasqua ebraica con il mese sacro del Ramadan potrebbe spingere a credere che questa sia stata la scintilla che ha fatto esplodere le polveri. Tuttavia una domanda sorge spontanea: quali polveri avrebbero acceso i fedeli riuniti in preghiera nella moschea di Al-Aqsa, durante il Tarawih di mercoledì sera?

Nei filmati che circolano sul web si vedono soldati israeliani che trascinano e picchiano con ferocia i fedeli per portarli fuori dalla moschea. Testimoni oculari hanno riferito alla CNN che “la polizia ha sfondato porte e finestre per entrare nella moschea e una volta all'interno ha schierato granate assordanti e proiettili di gomma”. Dal canto suo la polizia israeliana ha dichiarato che l’irruzione si è resa necessaria dopo che "centinaia di rivoltosi e profanatori di moschee si erano barricati all'interno, armati di pietre, bastoni e fuochi d’artificio”.

Chi è stato a Gerusalemme sa quanto imponente sia il controllo che l’esercito israeliano esercita su tutti gli accessi alla spianata delle Moschee. E altrettanto bene sa che l’ingresso dei visitatori non mussulmani è permesso solo in due momenti della giornata, poche ore la mattina e il pomeriggio, entrambi lontani dai momenti riservati alle preghiere quotidiane. E tutti vengono controllati. Come sarebbero potuti dunque entrare questi sedicenti profanatori di moschee, armati di verghe, sassi e petardi? E a quale scopo avrebbero dovuto barricarsi nella moschea? Per aggredirsi fra loro? Senza contare poi che durante il Ramadan è previsto che ci si astenga dal bere, mangiare, avere rapporti sessuali, mentire, fumare, usare un linguaggio scurrile e, soprattutto, dal fare la guerra.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
gerusalemmemoschea





in evidenza
Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

Ultimi scatti prima dello schianto

Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage


in vetrina
Covid, "Il ruggito della pecora nera". Anteprima: libro di Maria Rita Gismondo

Covid, "Il ruggito della pecora nera". Anteprima: libro di Maria Rita Gismondo


motori
Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.