A- A+
Esteri
Golpe in Sudan, paramilitari all'attacco del Palazzo presidenziale

 Sudan: paramilitari, controlliamo palazzo presidenziale

Le forze di supporto rapido (Rsf) del generale Mohamed Hamdane Daglo in Sudan hanno annunciato di aver preso il controllo del palazzo presidenziale del capo dell'esercito Abdel Fattah al-Burhane, che governa di fatto il Sudan dopo il putsch dell'ottobre 2021. Nel suo terzo "comunicato al popolo" da quando questa mattina sono scoppiati violente scrontri nelal capitale, il gruppo paramilitare composto da ex miliziani del Darfur afferma di controllare "il palazzo presidenziale, "l'aeroporto di Khartum", oltre a diverse altre "basi in diverse province". Di fronte, l'esercito assicura che le informazioni fornite dalla Fsr sono "bugie".

Sudan: esercito smentisce controllo paramilitari Pal.Republicano

Ma l'esercito sudanese ha smentito che il gruppo paramilitare Rapid Support Forces (Rsf nell'acronimo in inflese) controlli il palazzo presidenziale, il Palazzo Repubblicano e ha assicurato che ci sono gia' disertori. "Le Forze di Supporto Rapido diffondono notizie false dall'esterno del Sudan", si legge in un comunicato delle Forze Armate sudanesi. L'esercito ha anche riferito che il comandante delle forze paramilitari nello Stato del White Nilo ha consegnato "tutte le sue forze, gli accampamenti e l'equipaggiamento al comando dell'esercito nello Stato e annuncia che si unira' alla lotta" (sarebbe la prima unita' paramilitare a disertare dai ranghi). L'esercito ha gia' definito l'Rsf -il cui leader e' il vicepresidente del Sovrano Consiglio e numero due dell'Esercito, Mohamed Hamdan Dagalo, alias "Hemedti"- come "milizie ribelli".

Sudan: paramilitari, preso l'aeroporto di Khartoum

I paramilitari sudanesi affermano di aver preso il controllo dell'aeroporto di Khartoum, mentre vanno avanti da settimane le rivalità tra i due generali dietro il colpo di Stato del 2021. In precedenza testimoni hanno riferito di "combattimenti" ed esplosioni nei pressi di un quartier generale dei paramilitari delle Forze di sostegno rapido (RSF) del generale Mohamed Hamdane Daglo nel sud di Khartoum, mentre i giornalisti dell'Afp hanno udito spari nei pressi dell'aeroporto e nei sobborghi settentrionali. 

Sudan: Tajani, 'cessare violenze, italiani restino a casa'

"Seguo con attenzione quanto sta succedendo a Khartoum. La nostra Ambasciata, pienamente operativa, ha avvisato i connazionali di restare in casa. L'Unità di Crisi monitora gli sviluppi. Appello al dialogo e a cessare le violenze". Lo ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani.

Sudan: ambasciata a Khartum,"italiani non lascino abitazioni" 

L'Unita' di crisi della Farnesina ha invitato gli italiani presenti a Khartum, in Sudan, a non lasciare le proprie abitazioni mentre nella capitale sono in corso pesanti combattimenti. "Sono in corso, nella giornata di sabato 15 aprile, scontri a fuoco a Khartum. L'aeroporto e' stato al momento chiuso e molte strade risultano bloccate", si legge nell'aggiornamento sul sito Viaggiare sicuri, "ai connazionali al momento presenti, si raccomanda di non lasciare la propria abitazione ed esercitare massima prudenza". 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
sudan





in evidenza
Annalisa a Le Iene canta il singolo di Sanremo "Sinceramente" e fa impazzire il pubblico

Guarda il video

Annalisa a Le Iene canta il singolo di Sanremo "Sinceramente" e fa impazzire il pubblico


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete


motori
CUPRA Born VZ 2024: innovazione e prestazioni nel nuovo modello elettrico

CUPRA Born VZ 2024: innovazione e prestazioni nel nuovo modello elettrico

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.