A- A+
Esteri
"Guerra mondiale (nucleare), è già iniziata". E ancora: "Putin imita Hitler"
Foto Ipa

Russia, armi nucleari tattiche o strategiche? La risposta della NATO sarebbe diversa


Quando i missili russi hanno colpito un centro di addestramento militare vicino a Leopoli, uccidendo 35 persone, lo choc è arrivato fino in Polonia. Solo 20 chilometri più a ovest e i razzi avrebbero colpito il territorio polacco, e quindi un paese della NATO. Un attacco contro un membro è considerato un attacco contro tutti, come hanno ricordato i partner della NATO a Bruxelles. Il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, Jake Sullivan, ha avvertito che gli Stati Uniti avrebbero "difeso ogni centimetro del territorio della NATO".

Gli esperti non vogliono ancora parlare di una terza guerra mondiale, ma il timore di una tale escalation c'è da tempo. "L'idea di inviare la nostra macchina da guerra, le nostre truppe, gli aerei, i piloti e i carri armati lì (in Ucraina, ndr) ora - ammettiamolo - è la terza guerra mondiale", ha affermato di recente il presidente degli Stati Uniti Biden. La volontà della NATO di intervenire direttamente nella guerra in Ucraina, ad esempio con una no-fly zone, è bassa. Il rischio di un confronto con la Russia sarebbe troppo grande.

Ma cosa succede se si arriva a questo? Una simile guerra mondiale potrebbe essere condotta "convenzionalmente", cioè senza armi nucleari. Ma delle testate nucleari sarebbe enorme. L'alleanza occidentale reagirebbe in modo diverso alle cosiddette armi nucleari tattiche, che verrebbero utilizzate in teatri di guerra territorialmente limitati con potenza esplosiva bassa o media al di fuori della NATO, piuttosto che se fossero schierati i cosiddetti missili nucleari strategici. Questi hanno il potenziale per ridurre il mondo di oggi in macerie.

Putin andrebbe così lontano? Alcuni esperti considerano le minacce nucleari un bluff, altri no. "Putin non deve dimenticare che la NATO è anche un'alleanza nucleare", ha detto al sito tedesco DW.de l'ex ministro degli Esteri e della Difesa polacco Radek Sikorski. "Sa che non puoi sopravvivere a una guerra nucleare. Il giorno in cui Putin impugnasse le armi nucleari sarebbe l'ultimo della sua vita", sostiene Sikorski.

Lo storico tedesco-americano Conrad Jarausch paragona la strategia di Putin a quella di Adolf Hitler nel 1939. Ha istigato un conflitto regionale e avverte l'Occidente, "se reagisce in modo abbastanza massiccio farò scoppiare la terza guerra mondiale".

Tuttavia, tale automatismo non esiste, afferma Stefan Garsztecki, politologo e storico della Chemnitz University of Technology. "Non devono esserci ulteriori livelli di escalation come il 1939, a condizione che vengano prese massicce contromisure". Ciò è dimostrato anche dai "conflitti congelati" in Georgia e in Moldova.

Un conflitto originariamente regionale che sfocia in un conflitto globale: è successo più spesso nella storia, afferma Sven Lange, comandante del Bundeswehr Center for Military History di Potsdam. La prima guerra mondiale ne è il miglior esempio.

Commenti
    Tags:
    guerra mondialeputin hitlerrussia guerra nato cinaterza guerra mondiale nucleare





    in evidenza
    Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

    Inverno pieno

    Carico abbondante di neve in arrivo, altro che primavera

    
    in vetrina
    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


    motori
    IM sbarca a Ginevra: il futuro dell'auto elettrica è intelligente e premium

    IM sbarca a Ginevra: il futuro dell'auto elettrica è intelligente e premium

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.