A- A+
Esteri
Guerra Russia-Ucraina, il piano Ue per accogliere i profughi

Guerra Ucraina, il piano per l'accoglienza dei profughi

La Commissione europea vuole una gestione centralizzata dei rifugiati ucraini per avere un quadro dettagliato ed evitare un blocco del sistema. Per farlo è previsto un flusso di fondi europei che vada a Stati e rifugiati. È stato elaborato il coordinamento di servizi e trasporti di cui potrebbero usufruire. I punti sono stati presentati dalla commissaria agli Affari interni, Ylva Johansson.  Attualmente non sono previsti i ricollocamenti, ma si lavora per aiutare i rifugiati a lasciare la Polonia che oggi ospita quasi la metà degli ucraini che hanno abbandonati il Paese.

Gli ucraini possono circolare nell'Unione per tre mesi senza richiedere il visto, così da poter raggiungere eventuali familiari già residenti nell'Unione. Tra le misure previste, c’è una piattaforma di registrazione europea che consentirà agli Stati membri di scambiare informazioni per garantire che le persone che godono di protezione temporanea possano beneficiare dei loro diritti in tutti gli Stati membri.

L'Ue coordinarà le misure messe in atto dagli Stati membri per facilitare la circolazione dei rifugiati tra i Paesi e facilitare la loro interconnettività e adattare l'offerta di trasporto alla capacità di accoglienza.Tra i punti inseriti nel piano figura il miglioramento dei sistemi di accoglienza e alla garanzia della continuità assistenziale. La "Piattaforma di solidarietà” ha l’incarico di esaminare le esigenze degli Stati membri in termini di capacità di accoglienza e aiutare a organizzare i trasferimenti dai Paesi più sotto pressione.

I minori rappresentano un punto cruciale per l'Unione. Per prevenire che finiscano nelle mani delle reti della tratta di esseri umani, la Commissione, in collaborazione con l'Agenzia europea per l'asilo, svilupperà procedure operative per l'accoglienza e il sostegno dei minori, prestando particolare attenzione ai bisogni di quelli con disabilità, dei non accompagnati e dei minori separati dalle loro famiglie. Infine, per cercare di evitare rischi per la sicurezza con l'ingresso di persone nell'Ue, gli Stati, supportati da Europol, coopereranno tra loro e si scambieranno informazioni.

 

Leggi anche: 

Ucraina, verso il cessate il fuoco: "15 anni per decidere sulla Crimea"

Guerra Ucraina, Borse Ue ottimiste sulla tregua: Milano chiude oltre il 2%

Omicidio Brescia, Perrino: "Il bancario della porta accanto che uccide la ex"

Attrice hard fatta a pezzi: confessa il vicino: "Morta in un gioco erotico"

Denise, la madre: "La cerco viva". Commissione parlamentare: ora tocca al Pd

AIE e Fieg: la pirateria editoriale costa 770 milioni l'anno

Enel, firmato lo Statuto della Persona per valorizzare dipendenti

Intesa Sanpaolo, presentato monitor sui distretti agro-alimentari

Stellantis, incontro per discutere il destino dell’azienda di Torino

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucrainaprofughiue





    in evidenza
    Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

    Guarda le foto

    Affari in rete/ Chiara Ferragni-Fedez, social impazziti: i meme più divertenti sulla presunta rottura

    
    in vetrina
    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio

    Annalisa vince il Controfestival 2024. Angelina Mango ko fuori dal podio


    motori
    Gilles Vidal e l'arte del design: spazio e stile in Renault

    Gilles Vidal e l'arte del design: spazio e stile in Renault

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.