A- A+
Esteri
Guerra e sanzioni: rublo accelera. Altro che "carta straccia" la moneta russa

Guerra, il rubinetto del gas russo comincia lentamente a chiudersi

Immaginate di essere nel deserto, siete rimasti senz’acqua e siete lontani dall’oasi, il rubinetto che è vicino a Voi non eroga più come prima, sembra addirittura che voglia prenderVi in giro facendo arrivare delle gocce di tanto in tanto. Non è sicuramente una bella situazione, ma assomiglia molto all’attuale momento dove il rubinetto del gas russo comincia lentamente a chiudersi. Allora che fare? Tutte le sanzioni fin qui adottate pare non siano servite a nulla se non a solleticare la fantasia perversa nell’adottare contromisure decisamente più efficaci. Possiamo vivere senza gas? Possiamo vivere senza petrolio? La risposta non la devo dare io, ma ci sono persone che vengono definite, per status o per la carica che ricoprono, decisioniste. Mi è di imbarazzo stimolare, ancora una volta, i nostri Governanti affinché adottino misure che non rientrino negli schemi ordinari, ossia il sequestro di qualche miliardo agli oligarchi o il congelamento degli acquisti della vodka.

Dai media apprendo che diversi Paesi “in barba” agli accordi hanno pagato in rubli. Il significato  è questo: vendo euro per acquistare rubli che passano da 0,006 (7 marzo 2022) a 0,140 (11 maggio 2022), a marzo tutti i giornali scrivevano (ed anche io) che il rublo era carta straccia ed invece pare che i russi siano più bravi di noi!

Hanno incrementato tre valori:
1. il rublo
2. il prezzo del gas
3. il prezzo del petrolio, ben sostenuto visto che in pipeline costa circa 12,50 dollari al barile e per concludere abbiamo l’euro/dollaro a 1,0370 di oggi, il valore al 7 marzo 2022 era di 1.009 … che dire.

Domanda: vogliamo continuare a finanziare la guerra contro l’Ukraina?

Gli USA hanno messo sul piatto 55 miliardi di dollari (in armamenti), ebbene se anche l’Europa versasse altri 55 miliardi di euro otterremo un enorme capitale finanziario che potremmo immettere sul mercato con i derivati a effetto leva 1.000 su valute, gas, petrolio e quant’altro avendo così un effetto dirompente da far azzerare i prezzi di qualsiasi prodotto a livello mondiale. Ora, con tutta la ponderatezza di cui sono capace dovrei soffermarmi qui, ma mi assale un dubbio nel vedere mantenere una posizione di belligeranza a lungo termine e mi domando: qui prodest (a chi giova?)

 

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucraina





    in evidenza
    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    La classifica comscore

    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    
    in vetrina
    Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"

    Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"


    motori
    L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

    L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.