A- A+
Esteri
Guerra Ucraina, Medvedev: "Se Kiev ci attacca useremo il nucleare"

Guerra Ucraina, Medvedev: "Tutta l'Ucraina sotto il dominio di Kiev brucerà"

"La risposta di Mosca agli attacchi di Kiev in Crimea o in qualsiasi altra regione russa all'interno del Paese sarà dura e convincente". Lo ha detto il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo Dmitry Medvedev, come riportato dall'agenzia Tass.

"La nostra risposta può essere di qualsiasi tipo", ha affermato, aggiungendo che "il presidente della Russia lo ha detto in modo abbastanza definitivo". Medvedev ha spiegato che la Russia non pone restrizioni per se stessa e, a seconda della natura delle minacce, può usare tutti i tipi di armi, in conformità alla dottrina nucleare russa".

Secondo la dottrina nucleare russa - ricorda la Tass - la Russia può utilizzare armi nucleari se vengono utilizzate armi nucleari o di altro tipo contro la Russia o i suoi alleati, se riceve informazioni verificate sull'avvio di missili balistici per attaccare la Russia o i suoi alleati, in caso di influenza nemica sulle strutture, vitali per l'azione nucleare di risposta, e in caso di aggressione convenzionale contro la Russia, se l'esistenza stessa dello Stato è in pericolo.

Non solo. "Tutta l'Ucraina che rimane sotto il governo di Kiev brucerà se nel Paese arriveranno altri carri armati occidentali”, ha tuonato ancora Medvedev, sostenendo che la fornitura di armi avanzate dagli Stati Uniti all'Ucraina non farà che innescare ulteriori rappresaglie da parte di Mosca.

In un'intervista rilasciata alla giornalista russa Nadana FridrikhsonMedvedev ha quindi risposto alla domanda se l'uso di armi a lungo raggio possa costringere Mosca a negoziare con Kiev. "Il risultato sarà esattamente l'opposto", ha replicato.

L'Ue annuncia nuove sanzioni a Mosca entro il 24 febbraio

"Il price cap massimo sui prodotti petroliferi russi è stato concordato con i nostri partner del G7 e intaccherà ulteriormente le risorse di Putin per fare la guerra. Entro il 24 febbraio, a esattamente un anno dall'invasione dell'Ucraina, puntiamo ad implementare il decimo pacchetto di sanzioni". Lo ha dichiarato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, dopo l'ok ai massimali di prezzo sui derivati del petrolio russo.

"Stiamo facendo pagare a Putin la sua atroce guerra. La Russia sta pagando un prezzo pesante, le nostre sanzioni stanno erodendo la sua economia, riportandola indietro di una generazione", ha aggiunto.

L'Unione Europea e il G7 hanno adottato l'accordo sul price cap dei prodotti petroliferi russi raffinati e trasportati via mare verso Paesi terzi. L'intesa, approvata ieri sera dagli ambasciatori dei Ventisette, prevede una soglia di 100 dollari al barile per i prodotti raffinati di alta qualità, come il diesel, e di 45 per i prodotti di fascia bassa, come la nafta. Il provvedimento entrerà in vigore domani. Il cap si aggiunge a quello già approvato sul petrolio russo (fissato a 60 dollari al barile), in vigore da dicembre 2022.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
guerra ucrainamedvedev





in evidenza
Derby e scudetto all'Inter? No, Lopetegui nuovo allenatore

Milan, l'incubo dei tifosi

Derby e scudetto all'Inter? No, Lopetegui nuovo allenatore


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


motori
Lancia celebra 70 anni con il ritorno alla 1000 Miglia

Lancia celebra 70 anni con il ritorno alla 1000 Miglia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.