A- A+
Esteri
Isis, intelligence Usa: cellule terroristiche dormienti in Italia

Cellule terroristiche dormienti dello Stato islamico sono presenti in Italia, (ma anche in Germania e nel Regno Unito). L'allarme è lanciato dal capo dell'intelligence americana James Clapper. "Si tratta di gruppi analoghi a quelli che hanno organizzato gli attentati di Bruxelles del 22 marzo, in cui più di trenta persone sono state uccise".

Clepper ha sottolineato che i Paesi dell'Unione Europea dovrebbero impegnarsi di più nella condivisione di informazioni d'intelligence per contribuire a contrastare attacchi terroristici. 
A suo parere il desiderio delle nazioni Ue di incoraggiare la libera circolazione di beni e persone attraverso i loro confini e di garantire la privacy dei propri cittadini "in alcuni casi è in conflitto con la responsabilità di proteggere la sicurezza". 

Tags:
isisisis italiaterrorismo
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Dacia, dai colori e dai materiali nascono i valori della marca

Dacia, dai colori e dai materiali nascono i valori della marca

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.