A- A+
Esteri
Israele di nuovo al voto sempre più verso destra
Benjamin Netanyahu

Dopo una tregua di un anno, gli elettori israeliani torneranno alle urne il 23 marzo per la loro quarta elezione in due anni. Ma queste elezioni potrebbero differire in un modo fondamentale dai tre che si sono svolti tra aprile 2019 e marzo 2020. In quelle elezioni, l'alternativa principale al primo ministro Benjamin Netanyahu e al suo partito di destra Likud è stata la neonata Blue and White, un partito guidato dall'ex capo militare Benny Gantz che non aveva un'agenda ideologica o un trucco chiari.

Questa volta  la principale minaccia di Netanyahu sarà probabilmente un conservatore popolare che condivide la sua ideologia e visione del mondo.

“Ma ecco il punto: non importa chi vincerà, saremo un Israele ideologicamente molto diverso quando tutto sarà finito. Un Israele la maggior parte dei cui legislatori lavorerà per tenere a freno i nostri giudici. Un Israele la maggior parte dei cui legislatori favorirà l'approfondimento della nostra presenza ovunque nella contesa Cisgiordania, comprese le aree oltre la barriera di sicurezza e al di fuori dei principali blocchi di insediamenti, riducendo ulteriormente la possibilità di un eventuale distacco da milioni di palestinesi ostili, e mettendo così a mettere a rischio la natura fondante di Israele come stato sia ebraico che democratico. A differenza degli Stati Uniti, il nostro pendolo politico ha smesso di oscillare. Sarà Bibi. O forse non sarà Bibi. Ma la nostra prossima leadership, e la nostra prossima legislatura, sarà di destra senza precedenti” dice lo scrittore David Horowitz sulle colonne del Times of Israel. "Non volevo queste elezioni", ha detto ai giornalisti Netanyahu.

"Il Likud non voleva queste elezioni. Abbiamo votato più e più volte contro le elezioni. Sfortunatamente, Benny Gantz ha rinnegato i suoi accordi con noi". Ha poi aggiunto  che il Likud avrebbe "vinto alla grande" alle elezioni del 23 Marzo. Gantz ha detto che le osservazioni del primo ministro erano "più bugie che parole". Ha detto che Netanyahu voleva far scattare le elezioni nel tentativo di evitare il suo processo per corruzione. Probabilmente come spesso accade anche in politica la verità sta nel mezzo. Certo è che il piano vaccinale ( Israele è il primo paese al mondo come numero di vaccinati, che hanno superato il 13% della popolazione totale) e la gestione della pandemia potrebbero giocare un ruolo determinante nel rafforzare Bibi e portarlo per la sesta volta alla guida del governo Israeliano. Cosi come i recenti successi in politica estera con gli importanti accordi  di Abramo. Proprio per questo Alcuni analisti affermano che voleva un'elezione prima di dover cedere il potere a Gantz, ma avrebbe preferito che fosse più tardi di marzo. Ciò avrebbe dato più tempo allo svolgimento della sua campagna di vaccinazione e alla ripresa dell'economia. Netanyahu sta anche affrontando una nuova sfida politica da parte di un ex parlamentare del Likud, Gideon Saar, che ha formato il suo partito di destra che sta per sbucciare i voti dalla base politica di Netanyahu.

La serie di tre elezioni israeliane passate ha contribuito a provocare una sorta di stallo controproducente per il governo in carica. Ha comportato, infatti,  non solo una rotazione del primo ministro da Netanyahu a Gantz dopo 18 mesi, ma la creazione della nuova carica di primo ministro supplente per Gantz nel frattempo e una divisione paritaria nei ministeri del Gabinetto, dove i ministri in questione potevano essere sostituiti solo dal proprio leader del blocco, non dal primo ministro.

Questo accordo ha permesso a Netanyahu di rimanere al primo posto anche durante il processo con tre accuse di frode, corruzione e violazione della fiducia. Gli analisti affermano che ora la disputa offre a Netanyahu un modo favorevole per porre fine alla coalizione a causa di una scappatoia nel patto in base alla quale il premier sarebbe passato all'altro leader per tre mesi ad interim se una delle parti avesse innescato le elezioni, a parte in caso di mancato passare il budget. Recenti sondaggi indicano che il sostegno a Blu and White è crollato e, sebbene il sostegno al Likud sia diminuito, teoricamente tornerebbe ad essere il più grande partito. Ma nello stesso tempo Quella che è stata essenzialmente una fine ignominiosa per le fortune politiche di Blue and White ha coinciso con la formazione del partito New Hope da parte di Gideon Saar, un popolare politico conservatore e acerrimo rivale di Netanyahu nel Likud.

E questa forse è cosa ancora piu pericolosa per Bibi, perché deve affrontare un rivale interno, che sostanzialmente la pensa come lui su molte questioni. Dal 2009 al 2014, Saar è stato ministro dell'istruzione e poi ministro dell'interno sotto Netanyahu, prima di prendersi una pausa dalla politica, presumibilmente a causa delle tensioni con il primo ministro. È tornato al Likud e ha sfidato senza successo Netanyahu per la leadership del partito nel dicembre 2019, tra la seconda e la terza elezione. Nonostante Saar fosse arrivato quinto alle primarie del Likud all'inizio di quell'anno, segnalando la sua popolarità all'interno del partito, Netanyahu non lo nominò ministro o presidente di comitato dopo la formazione del governo di unità nazionale con Blue and White.

Da allora, Saar sembra aver aspettato il suo momento opportuno per emergere e sfidare quello che è ormai considerato un rivale. Ha annunciato che avrebbe lasciato il Likud poco prima che la Knesset si sciogliesse e si indissero nuove elezioni.  Poco dopo è stato raggiunto da Zeev Elkin, un altro ex ministro del Likud. A differenza di Saar, però, Elkin è stato fino a poco tempo fa uno dei più stretti alleati e confidenti politici di Netanyahu. Ma questo non gli ha impedito di accusare Netanyahu di "distruggere il Likud" e di trasformare il partito in "un culto della personalità".

Non solo è un devoto ideologo di destra, ma è anche  più di destra dello stesso Netanyahu su una serie di questioni - in particolare la sua difesa dell'annessione unilaterale di Israele della Cisgiordania. Di conseguenza, Saar ha compiuto i primi progressi nei sondaggi dell'opinione pubblica, che mostrano New Hope al secondo posto dietro Likud.. La collaborazione con i partiti arabi è stata a lungo considerata come un punto di partenza tra l'establishment politico ebraico israeliano, sebbene Gantz flirtasse con l'idea di un governo di minoranza che avrebbe fatto affidamento sul sostegno della Lista congiunta prima di indietreggiare di fronte all'opposizione interna al suo partito. A Dicembre  il leader del partito Yamina, Naftali Bennett,  ha annunciato formalmente che si candidera  per la premiership alle prossime elezioni, irritando il primo ministro. “È giunto il momento di cambiare. Netanyahu ha un record stellare, ma al momento della verità, in un momento in cui avevamo più bisogno di lui, semplicemente non c'era ", ha detto durante una conferenza stampa. Bennett è stato in precedenza un membro chiave del blocco di Netanyahu dei partiti di destra e religiosi, ma è stato escluso dal governo di unità nazionale formato da Likud e Blue and White all'inizio di quest'anno. All'opposizione, ha goduto di una spinta a sostegno tra le sue critiche vocali alla gestione della pandemia da parte di Netanyahu.

Da un punto di vista ideologico, Bennett non avrebbe problemi a sedere in un governo con  Saar.  Ma la sua inclusione significherebbe certamente perdere partiti di sinistra come Israelis e Meretz. Inoltre, Bennett ha dimostrato in passato la sua volontà di essere cooptato da Netanyahu. Portare i partiti ultraortodossi, d'altra parte, renderebbe impossibile formare un governo che includesse anche Yesh Atid e Yisrael Beiteinu.  È possibile, dato che provengono dallo stesso campo ideologico, che Netanyahu e Saar acconsentano a formare un enorme blocco di destra, e che gli impegni anti-Netanyahu di Saar siano superficiali come hanno dimostrato di essere quelli di Gantz.”È anche possibile che Netanyahu sarà in grado di formare una coalizione con il più sottile dei margini, che comprende il suo Likud, i partiti ultra-ortodossi e Yamina, se Bennett riuscisse a sottrarre parte del sostegno conservatore che ha perso a Saar. In alternativa, il sentimento anti-Netanyahu potrebbe essere abbastanza forte da produrre alcuni dei più strani compagni di letto politici che la politica israeliana abbia mai visto” dice Michael Koplow, il direttore politico dell'Israel Policy Forum. “Lo scenario più probabile, tuttavia, è che una volta che la polvere si sarà depositata e la matematica della coalizione diventerà più chiara, il 23 marzo non sarà l'unica volta in cui gli israeliani si recheranno alle cabine elettorali nel 2021”.

 

 

Commenti
    Tags:
    israelevoto israeleelezioni israeleelezioni israele 2021
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Filippo trasferito in altro ospedale La Royal Family "supplica" Harry

    "Accertamenti cardiaci"

    Filippo trasferito in altro ospedale
    La Royal Family "supplica" Harry

    i più visti
    in vetrina
    Georgina Rodriguez bikini spettacolare. Lady CR7: "Mi piaccione le mie.." FOTO

    Georgina Rodriguez bikini spettacolare. Lady CR7: "Mi piaccione le mie.." FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes-Benz Classe C: una storia tutta da raccontare

    Mercedes-Benz Classe C: una storia tutta da raccontare


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.