A- A+
Esteri
Medici Senza Frontiere abbandona Kunduz dopo la strage degli Usa

Medici Senza Frontiere ha  annunciato che abbandonerà la città di Kunduz, nel nordest dell’Afghanistan, a seguito dell’attacco degli aerei della Nato in cui sono morte 19 persone, tra cui 12 dipendenti di Msf e 3 bambini. 

"Tutti i pazienti critici sono stati trasferiti in altre strutture e nessuno del nostro staff sta lavorando nel nostro ospedale -  ha detto Kate Stegeman, responsabile della comunicazione per Medici Senza Frontiere - Alcuni dei nostri sono andati a lavorare negli ospedali che hanno preso in carico i feriti”.

Il presidente  Msf del Belgio, Meinie Nicolai, ha chiesto di aprire un’inchiesta internazionale indipendente sull’accaduto, ritenendolo “una violazione del diritto umanitario internazionale, la posizione dell’ospedale era conosciuta da tutti, nell’ospedale potevano entrare solo persone malate”.
Al momento del bombardamento, infatti, non vi erano insorti nella struttura.

La Nato si trovava impegnata a Kunduz per cercare di riprendere il controllo della città, assediata lunedì dai talebani.  Circa l’accaduto, i suoi vertici hanno ammesso la possibilità che alcuni suoi aerei abbiano bombardato la zona dove si trovava l’ospedale ed il capo della coalizione delle forze statunitensi in Afghanistan si è scusato per quello che è successo.

Tags:
kunduz
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica


motori
Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.