A- A+
Esteri
Il più grande viaggio d’affari attorno al mondo? E' italiano

Si è concluso a inizio gennaio 2020 il progetto 200 Economies, il giro del mondo “economico” realizzato da Lorenzo Riccardi, commercialista e appassionato viaggiatore, che ha saputo unire l’interesse per nuove geografie ai trend di un’economia sempre più globale.

Il progetto è partito dal concetto di “G-200”, un ideale gruppo che comprende tutti i paesi del mondo. La globalizzazione ha permesso infatti lo sviluppo di interazioni sempre maggiori tra paesi diversi in termini di commercio, finanza, investimenti, diplomazia e cultura. G-200 promuove il cambiamento futuro, da G-20 a un'economia globale con investimenti in tutti i paesi sviluppati, emergenti e di frontiera.

Lorenzo Riccardi insegna fiscalità presso la Shanghai JiaoTong University; vive e lavora a Shanghai dove segue gli investimenti stranieri in Cina e Sud Est Asiatico. Ha ricoperto ruoli nella governance di istituzioni e società, tra cui i più grandi gruppi industriali del food e del fashion italiani. È partner dello Studio di consulenza RsA, specializzato in Asia e paesi emergenti. Ha pubblicato per Il Sole 24Ore “Guida alla fiscalità di Cina, India e Vietnam”, per Maggioli “Gli investimenti in Asia Orientale” e per l’editore Springer è autore di una collana sui mercati emergenti; i suoi testi sono stati pubblicati in lingua italiana, cinese, portoghese ed inglese.
Lorenzo Riccardi in precedenza aveva viaggiato via terra da Shanghai a Milano, lungo la transiberiana, la transmongolica e la rete ferroviaria europea. Oggi, tra i più grandi viaggiatori del mondo, ha visitato ogni stato sovrano e dopo questo gran tour non si fermerà ma continuerà a cercare nuovi percorsi con gli occhi di un occidentale che guarda il mondo da Oriente, esplorando le opportunità offerte dalla globalizzazione in ogni regione.

Con l’ultima tappa a Trinidad e Tobago, Riccardi ha completato il proprio personale Grand Tour, dopo aver visitato 200 paesi e territori, compresi tutti gli stati membri delle Nazioni Unite (193) e realizzando il più grande viaggio d'affari attorno al mondo. Durante gli anni ha programmato itinerari e raccolto dati economici su un sito internet dedicato (200-economies.com) organizzando conferenze con il patrocinio di agenzie di investimento e organizzazioni governative.

Lorenzo Riccardi vive da 14 anni in Cina, prima economia emergente, e ha deciso di seguire il nuovo percorso di investimenti cinesi come un moderno Marco Polo da Shanghai all’Africa, nelle Americhe e in Eurasia. Un viaggio complesso, a tappe multiple, lungo le vie della seta e il mercato globale per cogliere le nuove tendenze economiche sotto l’influenza di Washington e Pechino.

Per viaggiare in diverse regioni e in tutti i paesi ONU è necessaria buona organizzazione, sia da un punto di vista logistico che burocratico: molti sono infatti i visti complessi da ottenere come quelli per Guinea Equatoriale e Turkmenistan, tante le zone con collegamenti aerei difficili o poco frequenti, come Kribati che è il paese più a est del pianeta o Nauru che è il meno visitato del mondo con soli 180 visitatori l’anno. È necessario inoltre avere buona conoscenza delle zone pericolose o con conflitti in corso (Iraq, Siria, Somalia, Yemen) e delle zone con rischio di malattie (ebola nella Repubblica Democratica del Congo, febbre gialla in gran parte dell'Africa e dengue in alcune aree del Sud est asiatico). Inoltre, fusi orari e clima, sistemi politici e influenza religiosa sono fattori importanti nell’organizzazione di percorsi e nella comprensione di diverse regioni.

“Per cogliere lo sviluppo globale occorre viaggiare dalla Cina verso il resto del mondo - commenta l’ideatore del progetto “200 Economies” Lorenzo Riccardi. “Nel Sud est asiatico, Thailandia e Vietnam si pongono oggi come partner ideali negli investimenti in Asia con export verso occidente. In Africa è tangibile l’influenza di Pechino: il nuovo aeroporto di Algeri, le ferrovie lungo la costa della Nigeria, il palazzo dell’Unione Africana ad Addis Abeba e la più grande moschea del continente sono tutte opere costruite da aziende cinesi. Anche in Oceania, da sempre una delle regioni più influenzate dagli USA, i progetti Belt Road hanno portato alla costruzione di nuovi aeroporti, strade e infrastrutture che uniscono il Pacifico all’Asia da un punto di vista economico oltre che geografico”.

Loading...
Commenti
    Tags:
    lorenzo riccardieconomia globale
    Loading...
    in evidenza
    Vasco si gode l'estate a Rimini Ma con qualche chilo di troppo...

    Spettacoli

    Vasco si gode l'estate a Rimini
    Ma con qualche chilo di troppo...

    i più visti
    in vetrina
    Allegri tra Montecarlo con Ambra Angiolini e... il Barcellona di Messi

    Allegri tra Montecarlo con Ambra Angiolini e... il Barcellona di Messi


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Audi Q5 nelle concessionarie italiane a partire dall’ autunno 2020

    Nuova Audi Q5 nelle concessionarie italiane a partire dall’ autunno 2020


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.