A- A+
Esteri
Malesia, vietato l'uso della parola Allah ai cristiani
Che cosa pensi della sentenza della corte malese? Forum

Il piu' alto tribunale della Malaysia ha confermato il divieto per i cristiani di usare la parola Allah per riferirsi a Dio, chiudendo di fatto una disputa che si trascinava dal 2007 nel Paese asiatico a maggioranza musulmana. Con quattro voti a favore e tre contrari, i giudici della Corte federale della capitale amministrativa Putrajaya si sono schierati con il governo e con la sentenza della Corte d'appello che avevano condannato l'uso della parola Allah da parte dell'edizione in lingua malese del giornale cattolico Herald.

"La Corte d'Appello ha applicato la legge correttamente e non spetta a noi intervenir", ha dichiarato il presidente della Corte federale, Arifin Zakaria. La sentenza d'appello aveva rovesciato una sentenza del 31 dicembre 2009 che aveva dato ragione al giornale cattolico. Un avvocato della Chiesa cattolica, S. Selvarajah, ha fatto sapere che si cercheranno ulteriori strade per ricorrere contro questo "divieto integrale che proibisce a tutti i non musulmani di usare quel termine".

Il direttore dell'Herald, padre Lawrence Andrew, si e' detto "profondamente deluso" per un giudizio che "non tiene conto dei diritti fondamentali delle minoranze". Esultano invece i gruppi musulmani con alcuni attivisti che erano fuori dal tribunale per urlare "Allahu Akbar", Dio e' grande, ed esporre striscioni con la scritta "Uniti per difendere il nome di Allah". La disputa era esplosa nel 2007 quando il ministero dell'Interno della Malaysia aveva minacciato di revocare la licenza per pubblicare all'Herald per l'uso della parola Allah. Il giornale si era difeso ricordando che "Allah" e' stato usato per secoli nelle Bibbie in lingua malese e in altre letterature per riferirsi a Dio al di fuori dell'Islam.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
malesiacristianiallah
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Peugeot: la filosofia della guida elettrica

Peugeot: la filosofia della guida elettrica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.