A- A+
Esteri
Myanmar, Suu Kyi condanna la "violazioni dei diritti" ma non cita l'esercito

La leader birmana Aung San Suu Kyi ha condannato "tutte le violazioni dei diritti umani" in Myanmar senza però citare in maniera specifica le violenze compiute dall'esercito ai danni della minoranza musulmana Rohingya. San Suu Kyi si è comunque detta "pronta" a organizzare il ritorno degli oltre 410.000 Rohingya rifugiatisi in Bangladesh. Nel suo primo discorso alla nazione, la leader birmana si è detta "profondamente desolata" per i civili "intrappolati" nelal crisi. "Siamo pronti a iniziare la verifica" delle identità dei rifugiati, in vista del loro ritorno, ha detto nel palazzo del parlamento a Naypyidaw, capitale birmana, in un discorso televisivo atteso da settimane.

L'Onu ha parlato di "pulizia etnica" in Myanmar. "Le forze di sicurezza hanno ricevuto istruzioni" di "prendere tutte le misure per evitare danni collaterali e affinché i civili non siano feriti" durante l'operazione anti-terrorismo, ha commentato San Suu Kyi. Non vogliamo che il Myanmar sia diviso dal credo religioso", ha insistito, in un momento in cui i rohingya sono trattati come stranieri in un Paese per il 90% buddista.

Tags:
myanmar
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.