A- A+
Esteri

Prima grana per il sindaco Bill de Blasio. Il nuovo sindaco (democratico) di New York ha a dovuto già liquidare la portavoce della campagna elettorale, Lis Smith. Nei giorni scorsi i quotidiani avevano svelato una relazione tra la 31enne ed Elliot Spitzer. Proprio l'ex governatore dello Stato di NY, salito alla ribalta delle cronache come il "cliente numero nove" di una escort di lusso (cosa che nel 2008 lo portò alle dimissioni) e che proprio in queste ore ha annunciato il divorzio consensuale dalla moglie (che gli era rimasta accanto durante lo scandalo).

Secondo il New York Post, Lis Smith ha visto quindi non rinnovarsi il suo contratto (a tempo determinato) e tornerà a lavorare con l’associazione dei governatori democratici e il governatore dl Maryland, Martin O’Malley. Una scelta di facciata per non creare ulteriore caos: "La Smith è scomparsa dallo staff di de Blasio dopo che questo giornale ha pubblicato foto esclusive del governatore che entrava e usciva dal suo appartamento di Soho".

Addio quindi alla vigilia dell'insediamento di de Blasio, anche se "era tutto in programma da tempo: il contratto di Lis era solo per la campagna elettorale", giurano fonti vicine al neo sindaco.

New York, inizia l'era De Blasio. Il sindaco arriva in metro al giuramento - Poco dopo la mezzanotte americana, Bill De Blasio ha ufficialmente giurato come 109mo sindaco di New York. Il democratico italo-americano lo ha fatto nello stesso luogo in cui, un anno fa, aveva lanciato la sfida per il dopo-Bloomberg, davanti alla sua modesta casa di Brooklyn. "Dico a tutti, questo e' l'inizio di una strada che faremo insieme", ha affermato De Blasio sorridente, attorniato dalla famiglia -la moglie, Chiriane McCraym e i due figli, Dante e Chiara- promettendo di lanciare una nuova era per New York, dopo 20 anni di governo di sindaci repubblicani o indipendenti.

L'ultimo dell'anno lo ha trascorso preparando il discorso che vedra' nel pubblico i pesi massimi della politica che lo hanno aiutato a tagliare il traguardo: oltre al governatore Mario Cuomo, l'ex presidente Bill Clinton, nelle cui mani de Blasio giurera', e anche Hillary, di cui fu il direttore della campagna elettorale nel 2000, quando ottenne il seggio al Senato. De Blasio giurera' su una Bibbia sostenuta da Clinton e appartenuta a Franklin D. Roosevelt.

Davanti all'ex presidente democratico Bill CLinton, il nuovo e 109esimo sindaco di New York, l'italo-americano Bill de Blasio ha giurato iniziando i suoi 4 anni a Mansion House, dopo i 12 di Michael Bloomberg. Arrivato con la famiglia sulla metro, de Blasio ha annunciato: "Chiederemo ai molto ricchi di pagare un po' piu' di tasse in modo da poter offrire asili nido gratuiti a tempo pieno e programmi dopo scuola per ogni studente delle medie. Non chiediamo di piu' ai ricchi per punire il loro successo ma per creare piu' storie di successo". Aumento delle tasse che pero' deve ottenere il via libera - tutt'altro che scontato - del governatore dello Stato di New York, sempre italo-americano e democratico, ma piu' prudente, Andrew Cuomo.

Tags:
new yorkdel blasiosindaco
in evidenza
Peggior partenza dal 1961-62 Col Milan Allegri sbaglia i cambi

Disastro Juventus

Peggior partenza dal 1961-62
Col Milan Allegri sbaglia i cambi

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.