A- A+
Esteri
Nigeria, Boko Haram ha liberato 82 liceali

A oltre tre anni dal loro sequestro, il gruppo Boko Haram ha rilasciato 82 delle oltre 250 studentesse rapite a Chibok, in Nigeria: lo ha annunciato la presidenza nigeriana. Le donne sono state "liberate in cambio di presunti membri del gruppo detenuti dalle autorità nigeriane", è stato spiegato in un tweet, che conferma l'accordo tra le due parti. "Dei veicoli militari si sono inoltrati nella foresta, senza scorta, e le hanno condotte a Banki. Ora si trovano in alloggi militari e partiranno per Maiduguri", ha detto una fonte militare. Il rapimento di 276 liceali, oltre tre anni fa, aveva suscitato grande indignazione nel mondo: 57 giovani erano poi riuscite a fuggire dai loro sequestratori. A ottobre 2016, 21 ragazze erano state poi liberate, alcune delle quali con bambini nati durante il periodo trascorso in ostaggio.

Tags:
nigeria boko haram ragazze
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Volvo C40 Recharge ispira anche una collezione fashion

Volvo C40 Recharge ispira anche una collezione fashion


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.