A- A+
Esteri
Nordcorea, gli Usa chiedono nuove sanzioni. Ma Putin dice no

Dopo un iniziale luna di miele post-Obama, torna il grande freddo fra gli Usa e la Russia di Vladimir Putin che aveva caratterizzato tutti i due mandati della presidenza precedente a quella di Donald Trump. Dopo il lancio da parte di Pyongyang di un missile balistico intercontinentale. Ma la Russia ha già annunciato che si opporrà, gli Stati Uniti proporranno all'Onu nuove sanzioni contro la Corea del Nord, dopo il lancio da parte di Pyongyang di un missile balistico intercontinentale. Ma la Russia ha già annunciato che si opporrà.

Il test del missile ICBM, che potrebbe raggiungere l'Alaska, al quale Seoul e Washington hanno risposto con esercitazioni di simulazione di un attacco contro il regime comunista, costituisce una "chiara e netta escalation militare" della Corea del Nord, ha dichiarato ieri sera alle Nazioni unite Nikki Haley, l'ambasciatrice americana all'Onu, davanti al Consiglio di Sicurezza riunito in sessione urgente.

La Russia, che dispone del diritto di veto, ha affermato che si opporrà tanto a nuove sanzioni quanto a una risposta militare: "Tutti devono ammettere che le sanzioni non risolveranno il problema", ha dichiarato il vice-ambasciatore russo all'Onu, Vladimir Safronkov, aggiungendo che "qualsiasi tentativo di giustificare una soluzione militare è inammissibile. L'ambasciatrore cinese all'Onu, Liu Jieyi, dal canto suo, ha detto che un'azione militare "non è un'opzione".

Dall'altra parte, però, gli Stati Uniti sono pronti a cooperare con la Russia per la creazione di una no-fly zone in Siria, ovvero di una zona entro la quale vige il divieto di volo. Lo ha sottolineato il segretario di Stato americano, Rex Tillerson, in un comunicato diffuso poco prima della sua partenza per il G20 di Amburgo, dove venerdi' e' previsto l'atteso primo faccia a faccia tra il presidente Trump e l'omologo russo Putin.

"Gli Stati Uniti e la Russia hanno certamente le loro divergenze irrisolte su una serie di questioni ma se i due Paesi lavorassero insieme per creare stabilità sul campo, allora si getterebbero le fondamenta per fare progressi nel trovare una soluzione sul futuro politico della Siria", ha osservato Tillerson, indicando che Trump confermerà a Putin la volontà di cooperare per porre fine ad oltre 6 anni di guerra civile in Siria.

"Gli Stati Uniti sono pronti ad esplorare la possibilità di determinare con la Russia metodi comuni per assicurare stabilità, comprese le no-fly zone, osservatori sul campo del cessate il fuoco e il coordinamento degli aiuti umanitari", ha spiegato il segretario di Stato americano.

 

Tags:
nordcoreakim johnusarussiatrump putin
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona

SEAT MÓ eScooter 125: il primo motociclo elettrico della Casa di Barcellona


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.