A- A+
Esteri

In un matrimonio gay sara' adesso possibile a uno dei partner adottare il figlio gia' adottato precedentemente dal coniuge. Lo ha stabilito una sentenza dellla Corte Costituzionale di Karlsruhe.

L'Alta Corte era chiamata a decidere sul ricorso di una donna medico di Muenster, che chiedeva di adottare una bambina bulgara gia' adottata nel 2004 dalla sua partner. Il tribunale aveva finora respinto questa seconda richiesta di adozione da parte della coniuge lesbica. L'altro caso esaminato a Karlsruhe riguardava una coppia di gay, sposatisi nel 2002, in cui uno dei partner aveva adottato nello stesso anno un bambino rumeno.

Tre anni dopo l'altro coniuge aveva fatto la stessa richiesta di diventare padre del bambino gia' adottato, ma il tribunale l'aveva respinta. Nel frattempo i Verdi annunciano di voler presentare al Bundestag un progetto di legge per consentire ai gay di adottare bambini secondo le stesse modalita' concesse alle coppie eterosessuali. La decisione odierna di Karlsruhe non riguarda infatti l'adozione comune di bambini da parte di coppie gay secondo le stesse modalita' consentite alle coppie eterosessuali. Al momento non esiste a Karlsruhe nessun ricorso volto a chiedere la parificazione di questo diritto.
 

Tags:
germania
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.