A- A+
Esteri
Myanmar: nuove accuse di corruzione per Aung San Suu Kyi
(fonte Lapresse)

Nuove accuse per Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la pace nel '91. 'The Lady', che si trova in carcere dal golpe del primo febbraio in MYANMAR, è indagata per corruzione: si pensa che abbia accettato tangenti per 550.000 dollari da un uomo d'affari. Il canale Mrtv ha diffuso nelle ultime ore le dichiarazioni del presidente della Say Paing Construction, Maung Weik, riportate da Bloomberg, che afferma di aver corrisposto questa somma ad Aung San Suu Kyi tra il 2018 e il 2020.

'The Lady' rischierebbe così fino a 15 anni di carcere. I suoi legali hanno già respinto le nuove accuse. Dal primo febbraio, Aung San Suu Kyi è già stata accusata di possesso di walkie-talkie senza autorizzazione, violazione delle restrizioni imposte per contenere i contagi da coronavirus, violazione delle leggi sulle telecomunicazioni e di voler provocare disordini nel Paese.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    aung san suu kyicorruzione
    in evidenza
    Ciclone al Sud, sole al Nord Il meteo divide l'Italia in due

    Come sarà il weekend

    Ciclone al Sud, sole al Nord
    Il meteo divide l'Italia in due

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Nissan Townstar, disponibile con motore benzina o 100% elettrico

    Nuovo Nissan Townstar, disponibile con motore benzina o 100% elettrico


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.