A- A+
Esteri
Usa, Clinton e Trump uniti dalla marijuana. I pro e i contri

 
L’overdose di dibattici politici per le primarie presidenziali Usa hanno sicuramente causato confusione tra gli elettori e tra gli osservatori all’estero. A confondere ulteriormente le idee ci sono i commenti, che dopo ogni dibattito indicano le posizioni mutate di volta in volta dai candidati. E questo senza considerare i vari scenari previsti con gli accoppiamenti Ted Cruz-Marco Rubio (il duo cubano) e Hillary Clinton-Bernie Sanders (i Yankee doodle) per le elezioni presidenziali.

Per semplificare le cose abbiamo preso in esame e riassunto le posizioni che i candidati hanno preso al Senato o con l’opinione pubblica e quello a cui andrebbero a favore o contro.

Partito Democratico

Hillary Clinton: Ex senatore, ex Ministro degli Esteri, ex First Lady, 69enne.
Pro: Prima donna alla presidenza; favorevole a migliorare l’attuale sistema sanitario sviluppato dal presidente Barack Obama; ad aiutare gli studenti universitari a pagare le rette; alla legalizzazione della marijuana.
Contro: Finanziata dalla lobby di Wall Street; vulnerabile per i vari scheletri nell’armadio; favorevole a continuare l’impopolare politica estera del presidente Obama; come senatore ha votato a favore della Guerra in Iraq.

Bernie Sanders: Senatore del Vermont, 75nne
Pro: Non é ricattabile; non é finanziato dalle lobby; ha votato contro la Guerra in Iraq;
ha buone idee per la politica estera; vorrebbe eliminare le rette delle universitá pubbliche.
Contro: É “socialista” (per molti americani, pur non conoscendone il significato, la parola induce timore); é ebreo (cattolici ed ebrei non hanno fortuna alle presidenziali); ha una politica discutibile sul sistema sanitario di Obama.

Partito Repubblicano

Donald Trump: Imprenditore e personalitá televisiva, 70enne.
Pro: Non é finanziato dalle lobby; dice ció che molta gente pensa; ha vedute progressiste (nascoste per opportunismo politico); é contro le “corporate inversion”; non é favorito dall’establishment repubblicano; vuole legalizzare gli stupefacenti (come se fossero alcolici) e usare le tasse sulle vendite per finanziare l’istruzione; é a favore della salvaguardia dell’ambiente.
Contro: É fazioso; ha una politica estera pericolosa; ha una politica sull’immigrazione non implementabile; ha quattro bancarotte alle spalle; é impulsivo; non é favorito dall’establishment repubblicano.

Ted Cruz: Senatore del Texas, 46nne
Pro: Appoggiato dall’establishment repubblicano fondamentalista; appoggiato dagli evangelici; ottimo avvocato; é contro il finanziamento pubblico delle banche in difficoltá; é contro il welfare alle societá private; vede Daesh come un pericolo (piuttosto che Bashar al-Assad, che é l’ossessione di Obama).
Contro: É nato in Canada (tecnicamente inelegibile alla presidenza); é contro la protezione dell’ambiente; é stato consulente di George W. Bush; é contro l’assistenza medica ai poveri; vuole eliminare le agenzie governative che regolano la salute e la sicurezza pubblica; vede il governo federale come un oppressore; favorevole all’uso indiscriminato delle armi; isolazionista.

Marco Rubio: Senatore della Florida, 45nne
Pro: Vuole eliminare la doppia tassazione; vuole eliminare le cause giudiziarie frivole; é a favore dell’energia solare; é un paladino della libertá di stampa; favorevole ad aiutare i pazienti con disturbi mentali; favorevole ai benefici per i farmaci agli anziani poveri; é appoggiato dagli evangelici.
Contro: É un irritatore; ha un record di assenze al Senato; vuole eliminare gli stessi servizi sociali che hanno aiutato la sua famiglia di rifugiati da Cuba; é contro le regole per le banche; é contro la protezione dell’ambiente; é a digiuno di politica estera.

Tags:
elezioni presidenziali usadonald trump hillary clinton
in evidenza
Messi il Re Mida del calcio 110 milioni per tre anni al PSG

Neymar superato da Leo

Messi il Re Mida del calcio
110 milioni per tre anni al PSG

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi


casa, immobiliare
motori
Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata

Ford: arriva la nuova Fiesta connessa ed elettrificata


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.