A- A+
Esteri
Putin corteggia l'Africa, c'è Prigozhin. Niger: bandiera russa tra i golpisti
Putin riceve i leader africani

Putin e la carta Africa per non mostrarsi isolato 

Il summit Russia-Africa rappresenta per Putin la possibilità di dimostrare che la Russia non è affatto isolata sul piano internazionale, come dice l'Occidente, piuttosto è un attore di primo piano, nonostante la guerra, sulla scena internazionale. Lo sostiene su Le Figaro Thierry Vircoulon, ricercatore dell'Ifri. "Il summit è stato preparato con molta cura e rappresenta un vero e proprio test sull'influenza di Mosca dopo la guerra. I russi pensano che devono dimostrare di poter 'sedurre' l'Africa. Lo stesso ministro degli Esteri, Sergei Lavrov, ha fatto numerosi passaggi nel Continente, a fine 2022 e a inizio 2023".    

Dall'inizio della crisi in Ucraina, spiega l'esperto, la Russia ha intensificato la sua comunicazione diplomatico-mediatica con l'Africa. Putin gioca il suo ruolo storico, il fatto che l'Urss ha sempre lottato contro la colonizzazione e appoggiato tutti i movimenti di indipendenza". Ma c'è anche un argomento ideologico, spiega Vircoulon, nel momento in cui gli accusano gli occidentali di voler trasformare le società e vogliono riportare i paesi africani ai loro ruoli tradizionali". Il punto politico è invece che la Russia si presenta come tenutaria di un mondo multipolare dove l'Africa potrebbe mantenere un ruolo sulla scena internazionale. Infine la cooperazione: Mosca continua a offrire borse di studio e si è da sempre adoperata in settori come quello della salute e dell'istruzione, argomenti molto 'sensibili' per i Paesi africani.     

Non da poco considerare il fronte dell'economia. A Sochi, durante il primo vertice del 2019, erano stati firmati molti contratti. Ma il bilancio, a detta del ricercatore francese, non sembra molto positivo. "Si trattava essenzialmente di contratti cerimoniali, per ripristinare lo status della Russia. Ad esempio, il progetto in Congo Brazzaville, siglato in pompa magna a Sochi, per costruire un oleodotto che attraversi il Paese non ha fatto progressi. Progetti di raffineria come quello in Uganda non sono mai decollati. Il memorandum d'intesa per una ferrovia nella RDC, concluso sempre al primo vertice, per 500 milioni di dollari non ha mai conosciuto il minimo inizio di realizzazione".      

"L'unico grande progetto che continua è la costruzione di una centrale nucleare in Egitto. Si tratta di un vasto programma di Rosatom, e la costruzione dell'ultima delle tre unità è stata ufficialmente avviata nel maggio 2023. Ma ci sono seri dubbi sulla capacità russa di impegnarsi in un progetto del genere stimato in 25 miliardi di dollari che dovrebbe essere l'80% finanziato da un prestito russo" ha detto l'esperto.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
africanigerputin





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.