A- A+
Esteri
Russia, "Putin è malato e si dimette". Colpo di stato di palazzo
Vladimir Putin celebrazione annessione Crimea

Russia, nessuna rivoluzione popolare ma un "colpo di stato di palazzo"


Vladimir Putin sarà deposto con un "colpo di stato di palazzo" pianificato dalla sua cerchia ristretta entro i prossimi due anni. Lo rivelano fonti delle principali intelligence occidentali in base a nuove informazioni acquisite a Mosca.

Mentre la guerra in Ucraina continua e le sanzioni colpiscono duramente la Russia, anche gli amici del presidente russo percepiranno il suo comportamento come "tossico" (usando il termine citato dalle fonti di intelligence), come una minaccia alle loro ricchezze e al loro potere, ritengono gli analisti, e sarà deposto.

La valutazione è stata fornita dagli analisti dell'intelligence Dragonfly, che ha previsto correttamente l'invasione russa dell'Ucraina.

Se l'Occidente inasprirà le sanzioni,  "è molto probabile che il presidente Putin non sarà nella posizione in cui si trova entro i prossimi due anni".

Tuttavia, piuttosto che un movimento di massa come quello che ha rovesciato il colonnello Gheddafi in Libia, la fine di Putin verrà dall'interno.

Durante un briefing, Dragonfly ha affermato che, data la protezione intorno a Putin, è improbabile che si verifichi una tale ribellione o un colpo di stato da parte di spie e truppe.

Il destino di Putin è invece nelle mani della sua cerchia ristretta di sei amici, che includono élite militari, di sicurezza e commerciali.

Sono gli unici confidenti di Putin e gli sono stati incrollabilmente leali, fino ad ora.

Sergei Naryshkin, il direttore dei servizi segreti esteri della Russia, Sergei Shoigu, il ministro della Difesa, Alexander Bortnikov, ex capo del servizio di sicurezza interna dell'FSB, e Nikolai Patrushev, il presidente del Consiglio di sicurezza russo, sono tra questi.

Sergei Chemezov, il presidente della società di difesa statale Rostec, e l'oligarca Igor Sechin, il capo del conglomerato energetico Rosneft, sono entrambi membri del gruppo.

Lo yacht da 458 milioni di sterline di Sechin e la nave da 140 milioni di sterline di Chemezov sono stati confiscati in Spagna dopo che l'UE li ha sanzionati per collegamenti con Putin.

In Russia, questi "ragazzi" sono conosciuti come "siloviki", che si traduce come "uomini di forza".

Tutti avevano precedenti esperienze di lavoro con Putin, sia nel servizio di sicurezza del KGB dell'era sovietica che nel governo municipale di San Pietroburgo.

Sono motivati ​​dalla "moneta e dall'opportunità di spenderla, nonché dalla convinzione che l'impero russo sia tornato e che il presidente Putin lo stia guidando", secondo Dranonfly.

Commenti
    Tags:
    colpo di stato russiagolpe russiaputin deposto





    in evidenza
    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    La classifica comscore

    Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

    
    in vetrina
    Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"

    Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"


    motori
    L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

    L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.