A- A+
Esteri
Putin trova la scusa per usare il nucleare: "Armi con uranio? Reagiremo"
Il Presidente cinese Xi Jinping incontra il Presidente russo Vladimir Putin

Al via il secondo giorno di colloqui tra Russia e Cina a Mosca, dove ieri (20 marzo) è giunto il presidente cinese, Xi Jinping. Xi ha invitato il presidente russo, Vladimir Putin, a visitare la Cina nel corso di quest'anno, in occasione del terzo Belt and Road Forum, dedicato ai dieci anni dell'iniziativa di sviluppo infratrutturale lanciata da lui stesso nel 2013, e ha sottolineato l'importanza di rafforzare i legami intergovernativi tra Cina e Russia. Xi ha incontrato oggi (21 marzo) il primo ministro russo, Mikhail Mishustin, all'indomani del primo incontro, durato quattro ore e mezzo, con il presidente russo: colloqui "molto seri" con "un approfondito scambio di opinioni", li ha definiti il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, durante i quali Putin si è detto pronto a discutere la proposta cinese per una soluzione politica della guerra in Ucraina.

La visita in Russia, ha detto Xi a Mishustin, citato dai media di Mosca, risponde a una "logica storica", e i due Paesi sono "partner strategici". Xi ha esteso l'invito a visitare la Cina anche a Mishustin, che ha accettato, e ha chiesto di intensificare il lavoro dei meccanismi intergovernativi dei due Paesi, proposta anche questa accolta dal premier russo, che si è dichiarato favorevole a stabilire un "lavoro costruttivo" con il nuovo premier cinese, Li Qiang. La Russia, ha detto Mishustin, "è seriamente interessata a rafforzare ulteriormente il partenariato globale con la Cina", che nel 2023, ha aggiunto, puntano a portare l'interscambio a quota 200 miliardi di dollari.

La visita di Xi giunge mentre a Kiev si sta dirigendo il primo ministro giapponese, Fumio Kishida, ultimo leader dei Paesi del G7 a visitare l'Ucraina. Xi e Putin si incontreranno di nuovo oggi per i colloqui formali. Intanto, la visita del presidente cinese a Mosca ha suscitato critiche dagli Stati Uniti, che hanno fatto sapere di respingere l'idea di una proposta di cessate il fuoco derivante dal summit di Mosca, che per Washington servirebbe a ratificare le conquiste russe in territorio ucraino e a congelare la guerra alla condizioni volute da Mosca. Per il segretario di Stato Usa, Antony Blinken, la visita di Xi a Mosca fornisce una "copertura diplomatica" alla Russia per continuare a perpetrare i crimini di guerra e lascia intendere che la Cina non ritenga Putin responsabile dei crimini commessi in Ucraina. 

Alle critiche degli Stati Uniti, ha risposto oggi, da Pechino, il portavoce del ministero degli Esteri, Wang Wenbin, ribadendo che la Cina non ha mai fornito armi ad alcuna parte in conflitto nella guerra in Ucraina, e ammonendo gli Usa a non puntare il dito contro la Cina. Gli Stati Uniti, ha detto il portavoce, dovrebbero considerare "oggettivamente gli sforzi della Cina e della comunità internazionale per promuovere la pace e i colloqui, invece di aggrapparsi alla mentalità da Guerra Fredda e spingere per l'escalation del conflitto". Nessuna indicazione è emersa, invece, da Pechino su un possibile, e molto atteso, colloquio tra Xi e il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, dopo la visita a Mosca del presidente cinese. La Cina ha sempre mantenuto una posizione "obiettiva ed equa" rispetto al conflitto, ha detto Wang, che è rimasto sul vago, limitandosi ad affermare che Pechino "mantiene la comunicazione con tutte le parti".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cinacrimeakievputinxi jinping





in evidenza
Branchetti scalda l'estate di Canale 5. Monica Maggioni nel prime time di Rai3

Talk e programmi d'informazione, novità e debutti a sorpresa

Branchetti scalda l'estate di Canale 5. Monica Maggioni nel prime time di Rai3


in vetrina
Carrefour si conferma azienda inclusiva: premiata per la parità di genere

Carrefour si conferma azienda inclusiva: premiata per la parità di genere


motori
DS Automobiles svela la Collection Antoine de Saint-Exupéry

DS Automobiles svela la Collection Antoine de Saint-Exupéry

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.