A- A+
Esteri
Raid in Siria, la Francia attacca: sono crimini di guerra

Parigi dopo i bombardamenti sulle cliniche di Ma’arat e Azaz, costati la vita ad almeno 50 persone va all'attacco. Per la Francia si tratta di 'crimini di guerra'. Raid definiti "inaccettabili".

La Duma, minaccia invasione turco-saudita possibile bluff - La minaccia di Turchia e Arabia Saudita di invadere la Siria e' usata per influenzare la situazione nel Paese mediorientale dove le forze appoggiate da Ankara e Riad stanno perdendo terreno. Lo ha denunciato il presidente del Comitato affari internazionali della Duma russa, Aleksei Pushkov, come riporta la Tass. "La possibile invasione della Siria da parte delle forze di terra turche si sta ampiamente discutendo", ha detto Pushkov alla stampa. "Naturalmente stiamo tenendo sott'occhio i passi intrapresi dalla leadership saudita e turca". "Sembra che la Turchia stia facendo certi preparativi militari per arrivare a una tale possibilita' e il ministero della Difesa russo ne sta parando ufficialmente", ha aggiunto il deputato. "L'Arabia Saudita -e' andato avanti- si e' detta pronta a un'operazione militare ma sta aspettando il consenso degli Stati Uniti. D'altra parte i sauditi non hanno un esercito loro capace in quanto le forze che possono dispiegare sono per lo piu' persone mercenari". Per questo, a suo dire, "e' difficile dire ora se queste minacce di lanciare un'invasione militare siano reali o un bluff".

Usa, Russia, scambio di accuse - Gli Usa hanno denunciato il regime di Damasco e la Russia di essere responsabili dei bombardamenti che hanno centrato due ospedali in Siria: il portavaoce del dipartimento di Stato John Kirby ha sostenuto che "il regime di Assad e i suoi sostenitori (Mosca) hanno perpetrato questi attacchi senza alcuna giustificazione violando i loro obblighi con la comunita' internazionale per proteggere la vite degli innocenti secondo l'appello lanciato del gruppo di supporto della Siria" lanciato a Monaco di Baviera giovedi'.

L'ambasciatore siriano Riyad Haddad ha invece sostenuto "che l'ospedale distrutto, in realta' e' stato colpito dall'aeronautica Usa. Le forze aeree russe non hanno avuto alcun ruolo in questa azione", ha concluso il diplomatico sostenendo che Damasco e Mosca sono in possesso di prove di intelligence per confermare quanto sostenuto.

Siria: Assad, "difficile" applicare cessate fuoco concordato - Bashar Assad ha di fatto affossato l'intesa per un cessate il fuoco in Siria raggiunta la settimana scorso al vertice di Monaco di Baviera tra Usa e Russia. Per il 'presidente' siriano la sua attuazione e' "difficle". Le truppe di Assad sostenute dalle forze russe ed anche dai curdi siriani dell'Ypg - gli eori di Kobane - stanno guadagnando terreno per cui una tregua nei combattimenti non e' al momento nei loro interessi. La nuova dichiarazione di Assad segue quella dei giorni scorsi in cui aveva spiegato che uil suo traguardo finale era riconquistare tutta la Siria.

Tags:
siriarussiausabombardamenti
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Honda svela la nuovo generazione di HR-V

Honda svela la nuovo generazione di HR-V


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.