A- A+
Esteri
Russiagate, Comey: "Trump ha mentito su di me. Mosca ha interferito sul voto"

"Trump ha mentito. La Casa Bianca mi ha diffamato e Mosca interferì sul voto Usa". L'ex direttore dell'Fbi James Comey davanti alla commissione Intelligence del Senato americano, che sta indagando sulla possibile interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane dello scorso novembre e sulla possibile collusione tra Donald Trump e funzionari russi, conferma le sue accuse nei confronti del presidente Usa. La Russia, ha spiegato sotto giuramento Comey, ha "senza dubbio" interferito nelle elezioni presidenziali del 2016, ma nessun voto espresso è stato alterato a causa di queste interferenze.

L'ex numero uno dell'Fbi ha definito poi come "bugie, pure e semplici" le accuse del presidente Trump, secondo il quale il Bureau era nel caos e guidato male. Comey poi è convinto di avere gestito al meglio la vicenda dello scandalo delle email di Hillary Clinton. La mia decisione "ha causato molto dolore personale, ma guardando indietro credo sia stato il modo migliore per proteggere la giustizia e l'Fbi", ha detto.

Secondo la Clinton fu proprio la gestione del cosiddetto emailgate da parte di Comey a costarle la presidenza. L'ex numero uno del Fbi ha spiegato di aver preso appunti dopo gli incontri con Trump per paura che il presidente Usa "potesse mentire sulla natura dei nostri incontri e così ho pensato che fosse importante documentarli".

Proprio dopo il loro incontro del 27 gennaio scorso, Comey ha detto di essere rimasto "sorpreso" e "innervosito" quando il presidente gli ha chiesto se volesse rimanere a capo dell'Agenzia, perché aveva già detto chiaramente di voler rimanere al suo posto. Comey ha raccontato di essere andato via da quella cena con la sensazione che Trump "volesse ottenere qualcosa in cambio della mia richiesta di restare in carica".

Incalzato dalle domande, Comey ha precisato che né Trump né il ministro della Giustizia Jeff Sessions gli chiesero di fermare l'inchiesta sul Russiagate. Gli venne chiesto solo di "lasciar andare" su Michael Flynn. Trump, dunque, "non ha espressamente chiesto" di far cadere le indagini dell'Fbi, ma ha detto di "sperare" che Comey "lasciasse correre". Parole interpretate da Comey "come una direzione" da seguire.

Comey ha raccontato di essere rimasto "sorpreso" e "innervosito" quando, in un incontro a gennaio, il presidente gli ha chiesto se volesse rimanere a capo dell'Agenzia. L'ex leader dell'Fbi ebbe allora la sensazione che Trump "volesse ottenere qualcosa in cambio della mia richiesta di restare in carica".

Comey ha confessato di aver iniziato ad annotare le sue conversazioni con Trump, perché era "preoccupato che potesse mentire sulla natura dei nostri incontri". E ha detto di sperare che "ci siano davvero le registrazioni", facendo riferimento a un tweet in cui Trump lasciava intendere l'esistenza dei nastri dei loro incontri. "Non sta a me dire se le conversazioni con il presidente erano un modo per ostruire la giustizia", ha continuato. L'ostruzione di giustizia è uno dei reati per il quale si potrebbe ricorrere all'impeachment del presidente.

Tags:
donald trumo fbi comeytestimonianza comey su donald trump russiagatesenato usa comey fbi
in evidenza
Nicole Minetti su Instagram Profilo vietato agli under 18

Le foto valgono più delle parole...

Nicole Minetti su Instagram
Profilo vietato agli under 18

i più visti
in vetrina
Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


casa, immobiliare
motori
Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.