A- A+
Esteri
Siria, al via l'offensiva per liberare Raqqa

Dopo Mosul, sarà Raqqa la prossima città a essere liberata dall'occupazione dell'Isis. Le Forze democratiche siriane (Sdf), l'alleanza arabo-curda appoggiata dagli Usa, hanno annunciato l'inizio dell'offensiva per liberare la città di Raqqa. Insieme a Mosul, Raqqa è l'ultima roccaforte in mano all'Isis, il gruppo ultraradicale sunnita che a metà del 2014 con una repentina avanzata impose il suo controllo su un'ampia porzione di territorio a cavallo tra Siria e Iraq. 

La portavoce dell'offensiva, Jihan Cheikh Ahmad, ha dato l'annuncio, leggendo un comunicato, all'inizio di una conferenza stampa organizzata ad Ain Issa, la città più vicina a Raqqa. Secondo Ahmad, le prime operazioni dell'offensiva, battezzata Ira dell'Eufrate, sono cominciate sabato notte. L'operazione coinvolge 30mila uomini. "Raqqa sarà liberata grazie ai suoi figli e alle forze arabe, curde e turcomanne, eroi che combattono sotto la bandiera delle Forze Democratiche Siriane", con "la partecipazione attiva delle Unità di Protezione del Popolo (Ypg) "in coordinamento con la coalizione internazionale", a guida americana, ha spiegato ancora. L'offensiva punta a liberare Raqqa dalle "forze del terrorismo mondiale e oscurantista rappresentate dall'Isis".

Alla battaglia parteciperanno dunque solo forze locali, ma la coalizione internazionale a guida Usa fornirà il necessario sostegno aereo. Costituita lo scorso anno, l'FDS comprende una componente araba e le milizie curde siriane note come YPG, che si sono dimostrate tra le più efficaci a contrastare l'Isis. Nelle ultime settimane l'alleanza militare curdo-araba ha riconquistato diverse città nel nord della Siria.

Un portavoce dell'alleanza, Talal Sello,  ha aggiunto che con Washington si è concordato di lasciare fuori dall'offensiva le truppe turche: "Abbiamo convenuto in maniera definitiva con la coalizione internazionale (a guida americana) che non ci sarà alcun ruolo per la Turchia o le sue forze alleate". Sello ha spiegato all'Afp che l'operazione si svolgerà "in due tappe": liberare la provincia di Raqqa per isolare la città, poi prendere il controllo della città. La coalizione ha fornito una prima consegna di armi e equipaggiamenti fra cui armi anti-carro", ha aggiunto. Ma, ha avvertito, "la battaglia non sarà facile e ha bisogno di operazioni precise e prudenti. L'Isis difenderà il suo bastione perché sa che la perdita di Raqqa significa la sua fine in Siria".

Attentati kamikaze in Iraq. L'Isis intanto ha rivendicato due attentati suicidi a Tikrit e Samarra, in Iraq, in cui 21 persone sono state uccise e decine ferite. Lo ha fatto sapere l'agenzia Amaq, vicina al gruppo terrorista. Ha riferito che due attentatori suicidi hanno colpito a Samarra, il primo facendo detonare un'autobomba e poco dopo il secondo azionando un giubbetto di esplosivi tra la gente sopravvissuta. A Tikrit, secondo la rivendicazione di Amaq, ha agito invece un solo kamikaze a bordo di un'autobomba. Le vittime di Tikrit sono cinque studentesse, una donna, e tre agenti di polizia.

Tags:
siria isis offensiva
in evidenza
Elodie sensuale anche in tuta Prove di convivenza con Iannone

Guarda le foto

Elodie sensuale anche in tuta
Prove di convivenza con Iannone


in vetrina
Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra

Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra


motori
Nuove Alpine A110 R, progettata per la pista omologata per la strada

Nuove Alpine A110 R, progettata per la pista omologata per la strada

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.